Genova, inchiesta per omicidio colposo per l'insegnante di 32 anni morta per trombosi

di Alessandro Bacci

La Procura di Genova indaga sul decesso, i Nas hanno acquisito le cartelle cliniche della donna e la documentazione relativa all'iter vaccinale

La procura di Genova ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo per la morte di Francesca Tuscano, la docente di 32 anni cui è stato somministrato il vaccino Astrazeneca il 22 marzo. Domani verrà affidato l'incarico al medico legale Luca Tajana per l'autopsia. Il fascicolo è stato assegnato alla pm Arianna Ciavattini del gruppo salute.

I Nas hanno acquisito le cartelle cliniche della donna e la documentazione relativa all'iter vaccinale, dal numero del lotto al consenso informato, e l'anamnesi fornita dalla Tuscano. "Non vogliamo - ha detto il procuratore aggiunto Francesco Pinto - sostituirci all'autorità amministrativa, all'Aifa, ma approfondire la vicenda con i mezzi della magistratura".

La procura genovese ha anche preso contatti con i colleghi delle altre procure italiane dove si sono registrati casi di emorragie dopo la somministrazione del vaccino Astrazeneca. I magistrati stanno valutando le varie analogie tra i casi. Nelle prossime ore verrà valutato se affiancare al medico legale che eseguirà l'autopsia un esperto in materia di farmaci. A fare aprire l'indagine sono state la giovane età della docente genovese, l'assenza di patologie pregresse conosciute e il breve lasso di tempo tra la somministrazione del farmaco e il decesso. Dopo l'autopsia e la prima analisi la procura trasmetterà i risultati all'Aifa. Nei prossimi giorni non è escluso che possano essere sentiti i genitori della Tuscano.