Genova, la Befana dei tassisti porta giocattoli ai piccoli pazienti del Gaslini

di Marco Innocenti

"A causa delle restrizioni covid, non abbiamo potuto incontrare i bimbi ma speriamo di poter dare comunque un piccolo contributo e portare loro un sorriso"

Genova, la Befana dei tassisti porta giocattoli ai piccoli pazienti del Gaslini

Una delegazione di tassisti genovesi ha portato all’Ospedale pediatrico Giannina Gaslini i doni della Befana destinati ai piccoli in cura. Nello “Spazio Famiglia” all'interno del Padiglione 8, la delegazione di tassisti genovesi ha incontrato il personale del Centro Accoglienza Bambino e famiglia (CABeF) dell’Istituto Giannina Gaslini, che ha accolto la donazione e raccontato l’attività di sostegno svolta a favore dei piccoli pazienti e delle loro famiglie.

Il CABeF offre un’accoglienza personalizzata, prendendosi carico degli aspetti sociali, sanitari, nonché delle eventuali esigenze di ospitalità del bambino e della famiglia. Il Sistema di Accoglienza CABeF prevede l’impiego di operatori dai profili diversi, che operano in sinergia per accogliere e fornire informazioni, per assicurare la presa in carico complessiva dei bisogni della famiglia (alloggio, sostegno economico, supporto relazionale), per sostenere i progetti socio-educativi dei pazienti più fragili e da tutelare; per sostenere l’utente straniero e per offrire supporto spirituale multi-religioso.

“Nel rispetto dei protocolli di sicurezza - hanno spiegato i tassisti presenti - non abbiamo potuto incontrare di persona i bimbi, ma speriamo di poter dare comunque un piccolo contributo e portare loro un sorriso, che li raggiunga anche nei centri di ospitalità nei quali vengono accolti durante il periodo di cura”. Con questa iniziativa simbolica, resa possibile anche grazie alla collaborazione di GianGiò Giocattoli, i tassisti genovesi confermano il proprio spirito di solidarietà verso i più fragili.