Genova, fugge dagli agenti compiendo 15 infrazioni in un solo giorno

di Marco Innocenti

Scene da "inseguimento all'americana" fin sulla collina degli Erzelli, Alla fine il centauro spericolato è stato bloccato ad un semaforo rosso

Genova, fugge dagli agenti compiendo 15 infrazioni in un solo giorno

L'elenco delle sue violazioni al codice della strada somiglia più al menu di un buon ristorante, lungo e dettagliato: si va dalla guida senza patente (perché non l'ha mai conseguita!) al classico eccesso di velocità, passando per la fuga all'alt degli agenti e molto altro ancora. In tutto, la bellezza (si fa per dire) di 15 infrazioni, commesse tutte in un colpo solo da V.I., pluripregiudicato genovese di 41 anni, intercettato e fermato ieri da una pattuglia di motociclisti in borghese del Nucleo Polizia Stradale. 

La storia ha preso però il via venerdì 21 gennaio, quando gli agenti hanno notato una moto da enduro procedere a forte velocità nella zona di Sestri Ponente. Gli agenti hanno quindi affiancato la moto, identificandosi e intimando l'alt ma il conducente, dopo aver fatto finta di fermarsi, ha improvvisamente accelerato, dandosi alla fuga a gran velocità in direzione degli Erzelli. Gli agenti a quel punto hanno iniziato ad inseguirlo ma capendo che l’uomo, con la sua guida spericolata, stava mettendo a rischio l'incolumità propria e degli altri, hanno deciso di interrompere l'inseguimento. La ricerca del centauro è proseguita così in ufficio, attrraverso le indagini che hanno dato subito i loro risultati. Una manciata di ore dopo, infatti, la pattuglia è riuscita a intercettare di nuovo la moto, stavolta ferma a un semaforo rosso. A quel punto, è bastato semplicemente bloccarne la fuga.

Dai successivi accertamenti, oltre all’identità dell’uomo, è anche emerso che guidava una moto non intestata a lui, che non era titolare della patente di guida, né aveva copertura assicurativa obbligatoria. V.I. è stato quindi sanzionato per le 15 diverse violazioni al Codice della Strada, per un ammontare di circa 8mila euro. Fra le infrazioni, troviamo velocità pericolosa, omessa precedenza ai pedoni, omessa precedenza agli incroci, inosservanza della segnaletica orizzontale e molto di più.

Non contento, il conducente ha sollevato la ruota anteriore della moto esibendosi in varie “impennate”, ha omesso di fermarsi all'invito degli agenti dandosi alla fuga. Il tutto, pur essendo privo di patente di guida poiché mai conseguita; il motociclo, a sua volta, mancava di copertura assicurativa per la responsabilità civile verso terzi. Nei guai è finito anche il legittimo proprietario del veicolo, sequestrato ai fini della confisca: è stato sanzionato per l’incauto affidamento a una persona priva di patente di guida e risponderà in solido per tutte le violazioni commesse dal conducente.