Genoa, è tempo di calciomercato: una giostra di nomi nella rivoluzione promessa da 777

di Marco Innocenti

Spors è già al lavoro su Ponce dello Spartak e Strand Larsen del Groningen. Spiragli per Miranchuk. Cessione in vista per Fares, Caicedo, Hernani ed Ekuban

Genoa, è tempo di calciomercato: una giostra di nomi nella rivoluzione promessa da 777

Il 3 gennaio scatterà ufficialmente il calciomercato di riparazione e, mai come quest'anno, i tifosi del Genoa si attendono un'importante campagna di rafforzamento della rosa, anche e soprattutto alla luce delle promesse fatte dalla nuova proprietà americana. I nomi che in queste ore si rincorrono sono tantissimi ma forse nessuno ancora capace di stuzzicare davvero il palato della tifoseria.

Radiomercato parla ad esempio dell'attaccante argentino Ezequiel Ponce, dello Spartak Mosca. Già di proprietà della Roma, Ponce in giallorosso ha vinto un campionato Primavera prima di iniziare il suo girovagare per l'Europa: Spagna, Francia, Grecia ed ora la Russia. I contatti fra i due club ci sarebbero già stati - almeno secondo alcuni siti di calcio russi - ma una vera e propria offerta ancora mancherebbe. Da valutare soprattutto le sue condizioni fisiche, visto che si sta riprendendo da un infortunio al menisco.

Al Grifone piace anche Strand Larsen, attaccante classe 2000 del Groningen, così come Amin Younes per il quale le trattative col Napoli sarebbero andate avanti anche in questi giorni di Natale. Sempre in attacco, l'arrivo di Boga all'Atalanta potrebbe sbloccare la trattativa per portare Miranchuk all'ombra della Lanterna. 

Sul fronte delle partenze, quasi certe quelle di Fares e Caicedo, con l'attaccante che non si è mai calato davvero nella realtà genoana. A partire potrebbe essere anche Ekuban ed Hernani.