Bucci al G20: "Genova ha dimostrato di essere la città della ricostruzione"

di Redazione

2 min, 30 sec

Il sindaco di Genova all'incontro sulle infrastrutture: "Abbiamo fatto un buon lavoro e oggi siamo qui per parlare del nostro modello"

Al G20 per le infrastrutture, iniziato nella giornata di lunedì a Genova, è intervenuto anche il sindaco del capoluogo ligure, Marco Bucci. Il primo cittadino genovese ha spiegato l'importanza di ospitare questo evento: "Sono molto orgoglioso che Genova sia stata scelta per la conferenza sulle high level infrastructure del G20: abbiamo dimostrato di aver esperienza e di essere la città della ricostruzione, di aver fatto un buon lavoro e oggi siamo qui per parlare del nostro modello. I ministri hanno sottolineato l’importanza di avere amministrazioni locali che si occupino dell’infrastruttura che deve avere un’esecuzione locale: siamo perfettamente allineati su questo e su quello che sarà il futuro. Abbiamo parlato di tutta la gestione delle opere infrastrutturali che saranno fatte a Genova nei prossimi cinque anni e c’è un disegno globale che ci porterà ad avere una grande città con un’importanza europea. Abbiamo parlato anche di due temi chiave: la manutenzione proattiva attraverso la tecnologia e le infrastrutture digitali e il tema dell’attenzione all’ambiente. Si può fare viaggiare bene persone e dati nella maniera più veloce possibile e lo si può fare rispettando l’ambiente, ad esempio partendo dalla decarbonizzazione. È nostro dovere lasciare il mondo migliore di come lo abbiamo trovato: è l’impegno di tutte le amministrazioni e dei cittadini."

"Siamo riusciti a ricostruire il ponte - ha proseguito Bucci - consideriamo questo come segno di riconoscimento del lavoro che è stato conferito. Molte persone parlano del modello di Genova, di quello che abbiamo fatto per costruire il ponte. Io direi che più di un lavoro amministrativo si tratta di mentalità, persone che hanno lavorato insieme allineate, con lo stesso obiettivo di fare qualcosa di nuovo. Ce l'abbiamo fatta, nel momento giusto, con i costi giusti e le caratteristiche giuste".

Bucci ha continuato il proprio discorso, spiegando i temi che verranno affrontati in questa tre giorni dedicata alle infrastrutture: "Abbiamo fatto un buon lavoro che può essere replicato. Questo sarà uno degli argomenti più importanti di questi giorni discussioni. Un paio di argomenti che vi consiglio di tenere a mente. Anzitutto la manutenzione cruciale per l'infrastruttura di oggi, soprattutto la manutenzione remota e proattiva. Quello che abbiamo realizzato nel nuovo ponte San Giorgio è un esempio di come la manutenzione proattiva possa essere realizzata insieme alla tecnologia digitale e tutte le tecnologie a disposizione quest'oggi. Secondo argomento è l'ambiente, non dobbiamo dimenticare che qualunque infrastruttura oggi deve rispettare l'ambiente deve fare in modo di avere un mondo che sia migliore rispetto a quello che abbiamo trovato soprattutto per le prossime generazioni".

"Quindi alla fine posso dire - ha concluso Bucci - che noi vogliamo un mondo in cui ci siano persone buone, brave che possono davvero circolare liberamente, in maniera sicura e con parecchia efficienza. Questo è il mondo che vorremmo avere per noi stessi e per la nostra generazione".