Fondazione Ansaldo apre la mostra 'Le forme di Genova, tra passato presente e futuro'

di Edoardo Cozza

Nata dal gioco ideato per il Festival della Scienza ha visto una buona partecipazione: premiati anche i tre vincitori per i loro disegni, progetti o foto

Fondazione Ansaldo apre la mostra 'Le forme di Genova, tra passato presente e futuro'

Fondazione Ansaldo ha inaugurato la mostra 'Le forme di Genova, tra passato presente e futuro', che nasce dal gioco ideato per il Festival della Scienza 2021. L’obiettivo è quello di sottolineare i legami tra spazio e tempo utilizzando le immagini per raccontare com’è cambiato il capoluogo ligure attraverso le trasformazioni urbane e come potrebbe cambiare. 

Fondazione Ansaldo ha messo a disposizione 20 fotografie storiche raffiguranti zone caratteristiche della città di Genova che sono servite da base per l’elaborazione dei progetti dei partecipanti, che potevano essere sviluppati in due modi: il presente fotografato, ovvero fotografare lo stesso luogo della foto scelta così come appare oggi, cercando di cogliere la medesima angolazione e prospettiva della foto originaria; il futuro immaginato, e cioè immaginare, attraverso il disegno o altre tecniche grafiche e digitali, come si vorrebbe che apparisse lo stesso luogo in un prossimo futuro. 

L’immagine, nelle sue molteplici declinazioni, è da sempre un importante strumento di studio e conoscenza, in grado di raccontare per esempio la morfologia di un territorio e le trasformazioni che lo hanno caratterizzato. Lo scopo della mostra, risultato finale del progetto proposto da Fondazione Ansaldo, è dunque quello di riflettere sulla trasformazione urbana, osservando cosa nel tempo è stato distrutto, conservato, modificato o costruito ex-novo, immaginando infine come si vorrebbe che apparisse in futuro Genova. Il confronto potrà aiutare il cittadino a sviluppare una sensibilità attenta all’estetica, alla logistica e alla sostenibilità urbana. 

Il percorso espositivo vede 12 fotografie storiche e 20 elaborati. Gli autori dei 3 progetti più meritevoli sono stati premiati con un pass per accedere liberamente a tutte le iniziative del Festival della Scienza, una targa dell’iniziativa e vari gadget di Fondazione Ansaldo. 

Il primo classificato è Antonio Patanè, 42 anni, che ha scattato una fotografia di Piazza De Ferrari al calar della sera. È un’immagine che, messa a confronto con la fotografia storica, non racconta solamente i cambiamenti urbani, ma anche quelli sociali. Usi e costumi sono differenti e lampanti. Le vecchie automobili sono sostituite non solo da quelle moderne, ma da autobus e monopattini elettrici. Le linee architettoniche, per quanto mutate, sono rispettate al pari di quanto sia stata rispettata e messa a confronto la presenza umana. 

Il secondo classificato è Emanuele Bordo, 10 anni, che ha disegnato Boccadasse con ricchezza di dettagli e ragionamento prospettico. Troviamo alieni ed esseri umani che procedono in armonia con attività quotidiane, ed è questa integrazione socio-culturale a colpire maggiormente l’attenzione. È un’idea di futuro tecnologico, aperto a nuove realtà ma dove si conserva ancora il passato architettonico della città. In questo mondo immaginato vige l’armonia e l’equilibrio. 

La terza classificata è Maddalena Rodolfo – Metalpa, 16 anni, che ha saputo usare sapientemente la macchina fotografica per riprodurre in modo tecnico e preciso l’aspetto odierno della stazione di Genova Principe rispettando alla perfezione la prospettiva e l’angolazione utilizzata dal fotografo di inizio ‘900. Inoltre Maddalena ha elaborato graficamente la sua visione futura della stazione genovese e, questa sua seconda opera, è esposta in mostra.

Tutti gli elaborati sono visibili sul sito www.fondazioneansaldo.it.