Elezioni regionali Liguria, Franchini: “Mai dibattuto sulle persone, ma sul perimetro della coalizione”

di Antonella Ginocchio

Il componente della segreteria dem: “Sansa si è confermato il nome che garantisce la più ampia convergenza”

La scelta di Ferruccio Sansa come candidato presidente della Regione Liguria per la coalizione centrosinistra-Movimento 5 Stelle alla fine ha avuto l’assenso anche del Pd ligure, che in queste ultime settimane ha vissuto un travaglio interno, dopo aver detto un primo no alla candidatura del giornalista del Fatto Quotidiano. L’ultimo atto è stato, soltanto due giorni fa, quando la direzione regionale aveva dato mandato al segretario dem, Simone Farello, di proporre al tavolo della coalizione il nome di Paolo Bandiera, uomo del terzo settore,.

"Ma alla riunione di coalizione di ieri sera si è verificato un fatto: non c’è stato il sostegno di Italia Viva sul nome di Bandiera”, ha puntualizzato Fabio Franchini, membro della segreteria regionale dem, in diretta a Telenord, che ha argomentato : “Anche il Movimento 5 Stelle, per bocca di alcuni suoi esponenti, ha ribadito che era tardi per valutare quest'ultima opzione”. Ha aggiunto Franchini: “L’intento del Pd, perno di questa coalizione, è sempre stato quello di dar vita ad un fronte il più ampio possibile: mai fatto un dibattito sulle persone, ma su chi potesse garantire il più largo perimento della coalizione”.

Franchini si è detto pronto a sostenere la campagna elettorale di Sansa: che – ha aggiunto – parte subito “e sarà molto intensa, a tambur battente sul territorio”. Insomma, secondo quanto sostenuto da Franchini, il Pd ligure non si sentirebbe spodestato da questa scelta non condivisa, almeno nella prima parte del percorso. A Sansa - ha puntualizzato Franchini – spetta ora il compito di contattare le diverse anime della coalizione, in particolare quelle più “scontente” per verificare la loro disponibilità a far parte della compagine giallorossa .”Abbiamo condiviso un percorso e l'elaborazione di un programma e quindi ci uniscono i temi: perché ora dovremmo dividerci?"