Condividi:


Diga di Begato, la demolizione inizierà a settembre: aperti i cantieri

di Redazione

Bucci: "Stiamo facendo qualcosa che entrerà nella storia di Genova"

Con la firma del contratto di affidamento dei lavori e la presentazione del progetto esecutivo, questa mattina si sono aperti ufficialmente i cantieri per la demolizione della 'Diga' di Begato, in Valpolcevera, a Genova. In questi giorni si sono concluse, dopo circa nove mesi, le operazioni di trasferimento delle 374 famiglie e dei circa 650 inquilini, molti dei quali anziani che vivono soli.

L'intervento chiamato "Restart Begato" vede protagonisti Comune di Genova, Arte Genova e Regione Liguria. "Stiamo facendo un qualcosa che entrerà nella storia di Genova - ha detto il sindaco Marco Bucci - una cosa di cui si discuteva da oltre 30 anni, questo è un cambio di rotta nell'ambito dell'edilizia sociale, vedremo se potremo farlo in altri quartieri per smantellare quella che è stata per troppo tempo una ghettizzazione".

La gara per la demolizione bandita da Arte e finanziata dal Comune è stata vinta da un consorzio di imprese siciliane, la Fratelli Caschetto e Patriarca Group. "Dopo alcune attività propedeutiche - spiega l'amministratore unico di Arte Genova, Girolamo Cotena - a giugno inizieremo a spogliare la diga bianca e rossa all'esterno e all'interno, mentre la demolizione vera e propria inizierà a fine settembre, complessivamente i cantieri dureranno 18 mesi".

Gli edifici di edilizia popolare, costruiti negli anni Ottanta per soddisfare esigenze di emergenza abitativa, saranno svuotati di impianti e infissi prima di essere smontati meccanicamente. Anche se non è stata riscontrata la presenza di amianto, infatti, si è deciso di non procedere con l'esplosivo. Dopo la demolizione si partirà con la terza e ultima fase del progetto Restart Begato, ovvero la realizzazione di alcune palazzine ad alta efficienza energetica per un totale di circa 50 appartamenti. La gara per lo sviluppo di quello che sarà un modulo abitativo chiamato CasArte è stata assegnata a una ati, la XLam Dolomiti, con sede in provincia di Trento.