Condividi:


Covid, Toti su seconde case: "Decisione che è costata, rispettiamo zona rossa"

di Gregorio Spigno

Il Governatore della Liguria ha aggiunto: "Scelta fatta in controtendenza rispetto al passato, ma cresce incidenza nel ponente"

Il Presidente della Regione Giovanni Toti ha commentato e spiegato i motivi che hanno portato alla scelta di blindare anche le seconde case, anche all'interno della stessa Regione Liguria: "Quella sulle seconde case è una decisione che ci è costata, e stata un scelta in controtendenza rispetto a quelle fatte anche nel passato ma la terza ondata, per fortuna, in Liguria ha portato meno lutti, meno ospedalizzati che altrove, e oggi vediamo crescere l'incidenza e le ospedalizzazioni soprattutto nel ponente, territorio di elezione per le seconde case e per le barche".

"Questa Pasqua sarà zona rossa per decisione del Governo - ha ricordato Toti - , con alberghi, bar ristoranti chiusi con un danno all'economia che sarà tutto sommato meno grave rispetto a quello che avremmo se lasciassimo correre questa Pasqua protendo trovarci ad affrontare zone di rischio molto più elevato alla fine di aprile".

"Calcolando che gli ospedali si riempiono due settimane dopo l'aumento dell'incidenza vorrebbe dire chiudere quando il resto del Paese può aprire. Rispettiamo la zona rossa e cerchiamo di fare un ultimo sforzo e poi tutti insieme riprendiamo il gusto del futuro".