Condividi:


Covid Liguria, Toti: "Dal 26 aprile iniziamo un percorso irreversibile"

di Alessandro Bacci

Il governatore: "È il momento di cambiare passo e pensare al futuro. Vaccini? Stiamo esaurendo le scorte, con nuove dosi possiamo accelerare ancora"

"Il 26 aprile iniziamo un percorso sul quale spero ci si possa confrontare, e cosi mi è stato assicurato dal ministro Gelmini e dagli altri ministri che ho sentito in Conferenza delle Regioni. E' stato un passo prudentemente coraggioso quello del premier Draghi e ne sono lieto perché le categorie hanno bisogno di prendere fiato e di una iniezione di fiducia". Lo ha detto il governatore ligure Giovanni Toti parlando a margine della visita all'hub vaccinale di Chavari. "Il 26 aprile iniziamo un percorso - ha ripetuto -, e credo che con la campagna vaccinale percorso sarà irreversibile. La vera notizia è questa. La nostra regione non è mai stata né aperturista né chiusurista: ci siamo sempre affidati ai numeri. E adesso siamo tra coloro che dicono che è il momento di cambiare passo e pensare al futuro"

"Siamo la prima regione che vede fianco a fianco lavorare la le aziende sanitarie, i nostri ospedali, la sanità privata convenzionata, le farmacie e i medici di medicina generale e questo per accelerare il più possibile la campagna vaccinale. Ma stiamo esaurendo le nostre scorte" - ha aggiunto Toti - "Noi abbiamo fin da subito puntato sulle fasce d'età più fragili - ha proseguito -: quelli che se si ammalano finiscono subito in ospedale e in terapia intensiva e qualche volta finiscono in modo drammatico . Ormai, con questa settimana, siamo ai sessantenni. Con il sistema degli hub, appena ci forniranno i vaccini necessari, siamo in grado di accelerare ancora".

1600 vaccini Astrazeneca al giorno, per 16 ore, dalle 8 a mezzanotte, sette giorni su sette. È l'attività del nuovo hub vaccinale della Asl4, montato nella Scuola Telecomunicazioni delle Forze Armate di Chiavari, gestito dall'Esercito. "Oggi e` una giornata positiva nella lotta al Covid 19 - afferma Toti - Voglio ringraziare le Forze Armate per questa preziosa collaborazione. Questa regione e` davvero un esempio a livello nazionale: siamo stati apripista negli accordi raggiunti prima con la sanita` privata e poi con le farmacie e oggi siamo tra le prime a vaccinare in un'area militare". Il direttore generale di Asl4 Paolo Petralia ha sottolineato i numeri delle vaccinazioni nel Tigullio: "Il 28% della popolazione è stato vaccinato con una dose; il 72% over 80; 55% over 70; il 32% over 60 riferito a categorie prioritarie". Nell'hub si vaccineranno le persone in questa fase le persone tra i 65 e i 69 anni, attraverso la prenotazione "www.prenotavaccino@regione.liguria.it" All' hub saranno presenti dipendenti della ASL, di enti privati, volontari e medici di base, tutti coordinati da Asl4 a cui gia` fanno capo gli altri tre hub nei capoluoghi dei tre distretti ed i 17 spoke che proseguiranno la loro attivita` sino a luglio per chiudere la "fase di prossimita`" della campagna vaccinale degli over 70 anni e delle persone con fragilita`.