Covid Lavagna, morti 4 pazienti fragili contagiati nel cluster in ospedale

di Alessandro Bacci

Erano ricoverati nel reparto di Medicina interna e risultati positivi dopo lo scoppio del focolaio causato probabilmente da un operatore no vax

Covid Lavagna, morti 4 pazienti fragili contagiati nel cluster in ospedale

Si aggrava il bilancio del cluster scoppiato la settimana scorsa all'ospedale di Lavagna. La Direzione Sanitaria della ASL4 comunica che nel periodo dal 28 marzo al 2 aprile si sono registrati quattro decessi di pazienti estremamente fragili e con polipatologie gravi. I pazienti, di età compresa tra 75 e 88 anni, erano stati tutti ricoverati in condizioni molto gravi a partire dal 10 marzo nel reparto di Medicina interna dell'Ospedale di Lavagna, e successivamente  erano risultati positivi al Covid 19 nell'ambito del cluster emerso la settimana scorsa.

Solo due persone tra le quattro decedute hanno presentato anche manifestazioni riferibili al Covid. Gli altri quattro pazienti riferibili al focolaio sono tuttora ricoverati in condizioni stazionarie. 

I carabinieri la settimana scorsa hanno sequestrato cartelle cliniche e documentazione delle percentuali delle vaccinazioni per cercare di capire perché nel reparto si sia diffuso il contagio. Era stato lo stesso presidente della Regione Giovanni Toti a comunicare che otto pazienti erano risultati positivi oltre a un infermiere no vax. Il direttore generale di Asl4 Paolo Petralia aveva però spiegato di non avere "alcuna evidenza" se l'infermiere fosse vaccinato o no.