Condividi:


Coronavirus, per le vaccinazioni previste oltre 400 assunzioni in Liguria

di Redazione

Entro il mese di gennaio le prime dosi per il comparto sanitario, la vaccinazione massiva entro il secondo o terzo trimestre del prossimo anno

"Il sistema di prenotazione del vaccino e quindi, in qualche modo, l'anagrafe vaccinale, che poi comporterà anche il certificato di avvenuta vaccinazione che servirà anche per spostarsi da Paese e Paese nei prossimi mesi, sarà direttamente istituito dal Commissariato nazionale per l'emergenza". Lo ha detto il presidente della Liguria Giovanni Toti al termine di una riunione con il commissario per l'emergenza Domenico Arcuri e i ministri della Salute e degli Affari regionali, Roberto Speranza e Francesco Boccia. "Previste 10 mila assunzioni a livello nazionale per le vaccinazioni, di cui il 4% sarà in Liguria", ha detto Toti. Sono circa 400 persone, un numero destinato ad aumentare considerando anche le figure collaterali.

"E' ragionevole pensare che entro il mese di gennaio in Liguria cominceranno le vaccinazioni sull'intero comparto sanitario così come per tutti gli ospiti delle rsa, l'anello più vulnerabile"- conferma Toti - "Arcuri ci ha confermato che nel prossimo mese saranno autorizzati i tre vaccini di cui si sta dotando l'Italia, come già avvenuto in Gran Bretagna", ribadisce Toti. Il primo carico in arrivo riguarda il vaccino Pfizer, la società stessa gestirà la logistica della distribuzione attraverso 23 centri operativi in Liguria.

"La seconda parte della vaccinazione massiva avverrà nel secondo e terzo trimestre dell'anno prossimo, - stima Toti - a settembre si conta di essere riusciti a vaccinare gran parte del campione nazionale". Il presidente ha anche ricordato i numeri del personale sanitario assunto da inizio emergenza: "Sono 1535 unità, 478 medici, 466 infermieri, 591 tecnici e Oss"