Tags:

Invisibili clochard

Senza fissa dimora multato dalla polizia locale perché non resta in casa

di Redazione

La denuncia su Fb del volontario della comunità di Sant'Egidio Luciano Rosasco, "ingiusto, lui non ha un'abitazione"

Senza fissa dimora multato dalla polizia locale perché non resta in casa

Guarda la galleria

La foto in primo piano della sanzione di 280 euro a nascondere il viso del cittadino che l'ha presa perchè si trovava in strada a Genova nonostante il divieto per l'emergenza sanitaria imposto dal decreto del governo. 
Peccato solo che stavolta la contravvenzione sia stata rifilata ad una persona senza fissa dimora  nordafricano che una casa non ce l'ha, un clochard.
La denuncia arriva dalla rete attraverso Luciano Rosasco, storico volontario e anima della comunità di Sant'Egidio che da sempre opera per difendere gli ultimi, dai nomadi ai senza fissa dimora, che ha ha postato sul proprio profilo la foto del cittadino multato che mostra la sanzione, sopra ha sovrimpresso una esclamazione: "Ma dai !!!"
Poi poche parole: "Un nostro amico che vive per strada ha preso ieri una multa perchè non sta a casa...". 

Rosasco poi spiega meglio: "Il nordafricano multato è una brava persona, tipico indigente che si arrangia con lavoretti saltuari, nè alcolista nè tossicodipendente, in Italia non ha nessuno, per questo dorme per strada".
Non è la prima volta che un clochard viene sanzionato perchè si trova in strada appartemente senza un valido motivo per trasgredire il decreto anti covid-19: molto spesso per gli operatori di polzia però non è facile distinguere fra chi davvero è sprovvisto di un domicilio e chi invece pur avendolo preferisce comunque vivere in strada.

Galleria