Condividi:


La pianista genovese Valentina Messa in recital sotto le stelle e "in quota"

di Giulia Cassini

Il concerto a Ollomont per accompagnare lo sguardo alla ricerca delle stelle cadenti nella notte del 10 agosto vedrà diversi brani da Chopin a Cage

Non è nuova ai concerti in montagna, basti pensare a quelli a Bardonecchia, ma il contorno assoluto delle vette sarà uno sfondo stimolante per la pianista genovese Valentina Messa, in una sorta di dialogo tra 'ambiance' e tastiera, se non una forma di meditazione in note. Il rapporto saldo tra natura e pentagramma è evidente già dalle foto dei precedenti recital, ma questa volta rinsalda anche un ponte culturale tra la Superba e una zona particolarmente bella della Valle d'Aosta, Ollomont e dintorni. 

Il concerto, della rassegna Combin en Musique, si svolgerà il 10 agosto alle 22 davanti alla Casa Alpina dei Padri Barnabiti, Località Morion, Ollomont. Si tratta della famosa Casa per ferie dei Padri Barnabiti, gestita in passato da genovesi, tanto da creare un vero e proprio legame indissolubile da generazioni e generazioni tra la Valle d’Aosta e la Liguria. Dalla posizione comoda all’arrivo si può anche godere di una vista impagabile verso le montagne.

Un luogo storicamente sede di esercizi spirituali, di serenità, di giorni felici: soprattutto nella seconda parte del Novecento (‘50/’60/’70) era stracolma di ragazzi e dovremmo citare in parallelo, per un quadro più completo, anche la Colonia estiva della società belga che gestiva le miniere di rame e dava villeggiatura per le famiglie di operai.

Da Ollomont e dalla Casa dei Barnabiti sono passate molte personalità (il presidente Luigi Einaudi, il premio Nobel Eugenio Montale e poi la nipote Bianca assidua frequentatrice della Valle e dei concerti di Combin en Musique, il politico e giurista Aldo Moro, per citarne alcune, oltre alle figure di riferimento come Padre Pucci e Padre Fasola), ma anche tanti genitori delle nuove leve. Pure questo spunto affettivo e questo “cordone ombelicale” con Genova, città della pianista Valentina Messa, contribuiscono a creare l’unicità e il sapore dell’evento.

Il programma del recital sarà di fatto incentrato sul tema della notte e delle stelle, muovendosi tra musica del XIX e del XX secolo come in un viaggio onirico, suddiviso in quattro parti coi brevi frammenti dello Zodiaco di Stockhausen, in particolare seguendo le costellazioni estive, a fare da interpunzione...

“Il concerto -spiega Valentina Messa- seguirà svariate suggestioni in un percorso guidato che toccherà musiche di Barber, Beethoven, Cage, Chopin, Fauré, Poulenc, Schumann e Stockhausen cullando i propri sogni e tendendo a quell’irraggiungibile infinito (o assoluto) a cui tutte le arti si avvicinano. Un programma non pensato esclusivamente per gli addetti ai lavori, ma per tutti, in un percorso emotivo per abbandonarsi completamente alla musica e alle emozioni. E’ un’occasione a cui tengo particolarmente”. Tutte le informazioni e il programma completo della kermesse qui.

In caso di condizioni atmosferiche avverse il concerto verrà anticipato alle ore 21 e si terrà, sempre lunedì 10 agosto, al padiglione di Valpelline, area Pro loco. L'ingresso è libero, preferibile la prenotazione al sito della manifestazione.