Kiev sotto assedio. Putin: "L'Ucraina non tratta, io vado avanti"

di Edoardo Cozza

Zelensky smentisce e manda sui social le immagini di un edificio civile attaccato. "Centomila nemici nel paese. Non voglio un passaggio per scappare, ma munizioni"

 Kiev sotto assedio. Putin: "L'Ucraina non tratta, io vado avanti"

La versione del Cremlino: Putin "aveva ordinato ieri di sospendere le operazioni militari in attesa di negoziati" ma il governo di Kiev, che "ha rifiutato di trattare".

La versione dell'Ucraina: "Non è vero. Pensiamo a combattere i 100.000 nemici che ci sono sul nostro territorio".

In mezzo c'è la guerra, che continua a Kiev. Anche verso l'alba di sono sentiti dei colpi, forse di mortaio, provenire da est, nella zona dell'aeroporto di Zhulyany. Un edificio residenziale è stato colpito da un missile nella capitale ucraina: il missile ha colpito l'edificio tra il 18esimo e il 21esimo piano. I russi smentiscono, ma le immagini fornite dallo stesso Zelensky ai social sono inequivocabili. Secondo gli ucraini, il bilancio dei loro morti sarebbe di 198, di cui 3 bambini, 1115 i feriti, di cui 33 bambini. Fra i russi, sempre secondo i difensori, ci sarebbero almeno 3500 vittime. Il sindaco di Kiev ha ordinato dalle 17 a domattina il coprifuoco in città. Molti ucraini premono alle frontiere per lasciare il paese.

Le Forze russe hanno annunciato di avere abbattuto sette aerei da combattimento ucraini, oltre a otto elicotteri e sette droni e di avere distrutto 87 carri armati e 28 lanciamissili MLRS (Multiple Launch Rocket System), secondo il ministero della Difesa russo, riporta Interfax.

Il presidente Zelensky resta personalmente alla guida della resistenza: "Non ho bisogno di un passaggio per andarmene, mi servono munizioni".

Sul fronte delle sanzioni "Draghi ha ribadito al presidente Zelensky che l'Italia appoggia e appoggerà in pieno la linea dell'Ue sulle sanzioni alla Russia, incluse quelle bancarie con Swuft", riferisce Palazzo Chigi. Bloccata dalla Francia una nave russa nella Manica.

Il premier Draghi ha parlato con Zelensky. Risolto l'equivoco del giorno precedente, gli ha detto che l'Italia è pronta a fare la sua parte in tutti i sensi, compreso  lo swift, un blocco bancario che metterebbe in ginocchio almeno temporaneamente l'economia russa e i suoi traffici. L'Italia raddoppierà i suoi aerei in Romania (da 4 ad 8), e ha disposto l'invio di 500 soldati. A coordinare l'operazione sarà il generale Francesco Figliuolo.