Sanremo, possibile prescrizione per 15 imputati "furbetti del cartellino"

di Redazione

Il rischio, adesso, è la prescrizione del processo, che dovrebbe avvenire, entro maggio-giugno

Sanremo, possibile prescrizione per 15 imputati "furbetti del cartellino"

Il giudice monocratico Francesca Minieri ha chiesto una proroga di tre mesi per il deposito delle motivazioni della sentenza con cui aveva condannato in primo grado, lo scorso 30 settembre, 15 "furbetti del cartellino", ovvero i dipendenti del comune di Sanremo accusati di truffa ai danni dello Stato e violazione della Legge Brunetta sul pubblico impiego, per l'infedele timbratura del cartellino e per essersi assentati senza giustificazione durante l'orario di lavoro. Un imputato era stato assolto.

Il rischio, adesso, è la prescrizione del processo, che dovrebbe avvenire, entro maggio-giugno. Dal 28 dicembre, infatti - termine dei novanta giorni per il deposito delle motivazioni - si passa così al 28 marzo. Da quella data le difese avranno tempo quarantacinque giorni per l'Appello, e si va così al 10 maggio.

Sono invece attese per domani (venerdì 21 gennaio ndr) le repliche ed eventualmente anche la sentenza in Appello nei confronti di altri otto dipendenti, che vennero assolti nell'ambito della stessa operazione, battezzata "Stachanov"