Quezzi, terminata la bonifica della discarica: rimosse 20 tonnellate di detriti

di Alessandro Bacci

35 giorni di lavoro, eliminate anche 55 carcasse di motoveicoli. Campora: "Un intervento che i residenti di Quezzi attendevano da diverso tempo"

Si è chiuso il cantiere di bonifica in via al Poligono di Quezzi. L'attività di bonifica è durata 35 giorni ed era stata affidata a Amiu bonifiche. È stata così bonificata un'area sovrastante il rio Finocchiara che si immette nel rio Fereggiano, con un fronte operativo lungo oltre mezzo chilometro e una profondità vicino ai 25 metri in scarpata. In collaborazione con Polizia Municipale sono stati rimosse 55 carcasse di motoveicoli e parti di veicoli per circa 2 tonnellate. Sono stati recuperati quasi 6 tonnellate tra manufatti e detriti contenenti amianto che sono stati avviati a specifiche filiere di smaltimento. Circa venti tonnellate di detriti abbandonati lungo la viabilità e lungo la scarpata sottostante. Più di otto le tonnellate di ingombranti, di legno e di elettrodomestici riportati alla luce, insieme a 200 chili di pneumatici fuori uso, due tonnellate di metallo, insieme a quasi due tonnellate e mezzo di rifiuti non differenziabili.

Quantità tutte inviate ad impianti e piattaforme di recupero Amiu. Dichiara Matteo Campora, Assessore all'ambiente e ai rifiuti del Comune di Genova: "Siamo molto soddisfatti che sia stato raggiunto l'obiettivo di bonificare questa discarica compiuta da incivili, un intervento che i residenti di Quezzi attendevano da diverso tempo".

Durante il 2021 gli interventi richiesti dalla Direzione Ambiente di rimozione e avvio a recupero o smaltimento sono stati un centinaio, di cui 30 a carattere oneroso e tutte per il ripristino di scarpate e altre aree difficilmente accessibili e che, come per Quezzi, si sono degradate proprio per la presenza di rifiuti abbandonati da ignoti.