Condividi:


Ponte Morandi, Trasportounito: "Lo Stato tassa gli aiuti alle aziende e si riprende 70 milioni"

di Marco Innocenti

"Lo Stato con una mano dà e con l'altra prende: serve intervento normativo che riaffermi la non tassabilità dei ristori agli autotrasportatori"

Con una mano lo Stato dà, con l’altra prende”. E' l'accusa di Trasportounito che, attraverso la voce del proprio coordinatore regionale Giuseppe Tagnochetti, sottolinea quello che non esita a definire come un vero paradosso: "Le aziende di autotrasporto che hanno ricevuto dallo Stato i ristori per i danni conseguenti il crollo del Ponte Morandi per il periodo interessato nel 2018 e tutto il 2019, e che sono ora in attesa dei ristori per il 2020, dovranno pagare retroattivamente e in modo del tutto inatteso le tasse su queste somme. Il che significa, malcontati, sui 180 milioni di ristori erogati e in via di erogazione a oltre un migliaio di aziende di autotrasporto, restituire dai 60 ai 70 milioni".

In questo senso - fa sapere Trasportounito in una nota - si è infatti espressa l’Agenzia delle Entrate che, interpellata da un commercialista per conto di un’azienda di autotrasporto, ha risposto che nel cosiddetto decreto Genova non è prevista esplicitamente l’esenzione fiscale su queste somme, anche se parimenti non è prevista l’applicazione della tassazione ordinaria.

"L’interpretazione delle norme nel senso della non tassabilità dei ristori - prosegue Trasportounito - era stato seguito dalla stessa struttura commissariale presso la Regione Liguria, che, al momento della liquidazione dei ristori alle Imprese, non ha applicato la ritenuta d’acconto. Ora le conseguenze per le aziende sono gravissime considerata anche la retroattività della lettura dell’Agenzia su ristori che l’imprese hanno già investito per sopravvivere con estrema difficoltà alla crisi pandemica e ai ripetuti danni generati dai cantieri autostradali liguri. Di fronte a una vera e propria vacatio legis, la parola oggi può solo tornare alla politica che in tempi brevissimi dovrà fornire le precisazioni sui ristori e quindi sullo spirito che ha improntato il decreto Genova”.

“Sollecitiamo – conclude Giuseppe Tagnochetti – ai Parlamentari Liguri un intervento chiarificatore e normativo che riaffermi il principio per cui in tragedie come quella del ponte Morandi, il ristoro deve avere effettiva valenza di aiuto alle imprese e non essere, quindi, soggetto a tassazione".

Un problema che accomuna 1.125 aziende di autotrasporto, tante infatti sono le imprese che lo scorso giugno erano state ammesse ai ristori dopo aver presentato la domanda sulla piattaforma messa a punto dall'AdSP del Mar Ligure Occidentale.