Ponte Morandi, Possetti (parenti vittime): "Il patteggiamento non lava le coscienze"

di Redazione

Il procuratore Francesco Pinto: "Risultato importante. Speriamo che questa tragedia serva da lezione affinchè queste cose non accadano più"

Ponte Morandi, Possetti (parenti vittime): "Il patteggiamento non lava le coscienze"

"Il patteggiamento non lava la coscienza di nessuno per quello che è successo. E, anzi, avrà un impatto importante sull'iter processuale degli altri imputati. Significa che l'impianto accusatorio è valido". Così Egle Possetti, portavoce del Comitato parenti vittime del Morandi, commenta la richiesta di patteggiamento avanzata dalle due società Aspi e Spea nel corso dell'udienza preliminare per il crollo del viadotto. 

 "E' un risultato importante. Speriamo che questa tragedia serva da lezione affinché queste cose non succedano più".

Così il procuratore di Genova Francesco Pinto che, insieme ai colleghi Massimo Terrile e Walter Cotugno, ha dato il parere favorevole alla richiesta di patteggiamento di Autostrade per l'Italia e Spea per il crollo del ponte Morandi.