Genova, Toti e Bucci visitano Euroflora in allestimento: "Uno spettacolo"

di Anna Li Vigni

L'allestimento sta procedendo secondo la tabella di marcia. Il presidente di Porto Antico spa Ferrando e il direttore di Euroflora hanno accompagnato le autorità in visita

Stanno procedendo secondo la tabella di marcia prevista i lavori di allestimento nei Parchi di Nervi in preparazione della XII edizione di Euroflora che aprirà i battenti il 23 aprile per concludersi domenica 8 maggio.

Nel pomeriggio il presidente di Porto Antico di Genova Spa Mauro Ferrando ha accolto il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, il sindaco di Genova Marco Bucci, il vicepresidente della Regione Liguria con delega all'Agricoltura Alessandro Piana e il rappresentante Agricoltura nella Giunta della Camera di Commercio di Genova Paolo Corsiglia per un sopralluogo nei Parchi. ll gruppo si è aggirato per i vali mostrando grande ammirazione per quello che sta nascendo.

Ad accompagnarli Rino Surace, direttore di Euroflora 2022, gli architetti progettisti, Matteo, Antonio e Marta Lavarello, e il direttore del Verde di Aster, Giorgio Costa.

I vialetti, i prati e le scenografie stanno prendendo forma e gli oltre otto ettari della superficie di Parco Gropallo, Parco Serra e Parco Grimaldi, saranno pronti per l'inaugurazione in programma venerdì 22 aprile e per l'attesissima apertura al pubblico del giorno successivo.

 

Oltre 90 giardini - il più grande di oltre 3mila metri quadrati, realizzato dai floricoltori della collettiva della Regione Liguria - più di 300 aziende partecipanti, 18 grandi fontane a fare da elemento scenografico con zampilli che raggiungeranno anche i sei metri di altezza sono i numeri di un allestimento coinvolgente e dallo straordinario impatto visivo.

Per realizzarle Wed fontane ha utilizzato 30 pompe idrauliche, oltre 1.500 metri quadrati di guaine e 2.000 metri quadrati di arelle per le mascherature; per i percorsi aggiuntivi PietraNet ha steso 4.000 metri di tessuto non tessuto, 4.000 metri quadrati di pannelli alveolari che fanno da base a 240 metri cubi di ghiaia; 7.000 i metri quadrati di tappeto erboso, 4.000 i metri di manichette per l'acqua e 5.000 i metri di cavi elettrici per la corrente. Per la prima volta non ci saranno generatori grazie ai lavori di elettrificazione eseguiti da Aster per garantire maggiore sostenibilità.