Condividi:


Genova, requisiti in porto sei mila litri di alcol destinati all'estero: servono al San Martino

di Michele Varì

Il prodotto pagato dallo Stato in base al prezzo del 2019: era destinato alla Nuova Zelanda

L’approfondito monitoraggio effettuato dai funzionari delle Dogane e i finanzieri del II Gruppo della Guardia di Finanza ha permesso di requisire nel porto di Genova Voltri oltre seimila litri di alcol destinato alla Nuova Zelanda e subito dirottato all'ospedale San Martino di Genova in prima linea per l’emergenza Covid.

L'alcol è stato pagato alla ditta fornitrice, ma per evitare speculazioni, in base al prezzo del 31 dicembre 2019, prima dell'emergenza Coronavirus.

L’operazione è stata svolta dagli specialisti dell'Antifrode dell’Ufficio delle Dogane di Genova 2 dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli che hanno intercettato al Terminal Psa di Voltri un carico di 6.152 litri idrati di alcol etilico non denaturato (a 96,5 % di volume pari a litri anidri 5.937) in esportazione verso la Nuova Zelanda.

E' stato poi il Commissario straordinario per l’emergenza COVID - 19 Domenico Arcuri a disporre la requisizione e la consegna, con l’ausilio della Protezione Civile Regionale, del prodotto all’Ospedale San Martino di Genova che ne necessita per fronteggiare l'emergenza sanitaria.

L'alcol sarà utilizzato per la produzione d'igienizzanti ed ai fini scientifici.