Genova, la denuncia di Rossetti: "Ai pronto soccorso non c'è più una barella"

di Redazione

Il consigliere del Pd: "Ho chiesto a Toti di attivarsi, bisogna anche usare l'esercito, ci sono ancora spazi al caldo negli ospedali ma manca il personale"

Genova, la denuncia di Rossetti: "Ai pronto soccorso non c'è più una barella"
"Sono stato al Galliera, passato fuori a San Martino e Scassi. Ho fatto una sola foto per rispetto dei pazienti e degli operatori. I malati sono sulle barelle delle ambulanze nell'area adibita a sosta delle stesse per fare salire o scendere i malati dai mezzi. Non c'è più una barella, neanche un metro quadro al caldo in compresenza con operatori." Questa la denuncia del consigliere del Pd Sergio 'Pippo' Rossetti dopo il sopralluogo effettuato nella serata del 2 novembre negli ospedali genovesi. La visita è stata documentata con materiale fotografico che racconta il momento estremamente complicato che stanno affrontando i pronto soccorso di Genova. 
 
"Ho chiesto a Toti di chiedere immediatamente aiuto alla protezione civile - prosegue Rossetti - Bisogna anche usare l'esercito, ci sono ancora spazi al caldo negli ospedali ma manca il personale!!! Non polemizzo, era tutto prevedibile, ma ora non c'è più tempo. ps: il fermo ambulanze, ne ho contate 30 ferme, determina la mancanza di copertura per i servizi del 118 e ordinari."