Genova, adesca una 15enne su Instagram e la induce a fare video e foto pedopornografici: condannato un 50enne

di Redazione

1 min, 15 sec

Il tribunale, in primo grado, ha condannato a sette anni e mezzo di reclusione l'uomo che vive nel ponente ligure: aveva contattato la giovane sui social

Genova, adesca una 15enne su Instagram e la induce a fare video e foto pedopornografici: condannato un 50enne

Condanna a sette anni e mezzo di reclusione per il cinquantenne del ponente ligure che, dopo aver adescato un’adolescente di 15 anni, ha approfittato delle condizioni di inferiorità fisica e psichica della giovane per indurla a compiere atti sessuali, anche con oggetti erotici che lui le forniva, per produrre foto e video di natura pedopornografica.

La sentenza di condanna in primo grado è stata emessa dal Tribunale di Genova con rito abbreviato (che prevede la riduzione di un terzo della pena), a conclusione di una complessa indagine della polizia postale di Genova, coordinata dalla locale procura distrettuale.

Tutto è iniziato dalla segnalazione fatta da un’applicazione di messaggistica istantanea alla polizia postale di Genova che, al termine di complicati accertamenti, ha individuato il responsabile e lo ha segnalato all’Autorità Giudiziaria che ha immediatamente emesso un decreto di perquisizione informatica a carico dell’uomo.

L’analisi degli apparati informatici sequestrati ha consentito, non solo di rinvenire svariati file di natura pedopornografica e accertare che lo stesso aveva divulgato una ingente quantità di materiale illecito attraverso diverse piattaforme social, ma anche di scoprire che l’uomo era riuscito a rintracciare la minore tramite il social Instagram.

L'uomo aveva messo in atto tutte le tecniche tipiche del “predatore” sessuale, offrendosi come confidente, proponendosi come consigliere, e rimpiendo la ragazza di complimenti, cercando anche di isolare la vittima e inducendola a cancellare di volta in volta i messaggi.