Tags:

giallo sampierdarena

Gambizzato a Sampierdarena, testimone: "Ho visto nascondere la pistola"

di Michele Varì

Anziana svela a Telenord: "Un uomo ha preso l'arma ed è scappato"

"Ho visto quando è stato sparato il colpo che ha ferito quell'uomo, poi un'altra persona gli ha preso l'arma dalle mani e sono fuggiti tutti, erano circa quindici. Il ferito è rimasto in piedi, si è seduto su un muretto...".


Ha parlare è una donna che la scorsa notte ha assistito dalla finestra di casa alla gambizzazione del trentasettenne dominicano ferito al termine di una rissa fra sudamericani in largo Gozzano, nel cuore di Sampierdarena, di fronte al Liceo Cassini.


La donna ammette che si era affacciata alla finestra per gridare ai giovani di non fare rumore e aveva pure intenzione di lanciargli un secchio d'acqua per farli smettere: "Poi ho visto quella scena e lo sparo, forse partito per errore, cosa ho fatto? Sono andata a dormire, ma voi dovete dirlo che qui da quando stata creata l'area pedonale non si fa più vita, ogni fine settimama c'è rumore sino a notte fonda".

E stupisce che un'anziana di fronte a tanta violenza, dopo avere visto sparare ad una persona, invece di telefonare alle forze di polizia o anche al figlo non ha trovato niente di meglio che andare a letto. Neanche fosse normale che sotto le sue finestre, davanti a lei, si possa puntare una pistola contro un uomo e fare fuoco. 

Certo alcune parti di Sampierdarena da anni in piena notte sembrano il Bronx, ma i mattinali delle forze dell'ordine confermano che i colpi di arma da fuoco sono per fortuna rari, eccezioni, e che la zona non è il far west. 

Singolare e specchio dei tempi anche la testimonianza di un altro cittadino seduto su una panchina: "Se si ammazzano fra di loro a me non interessa", e rivolto a coetaneo seduto accanto a lui aggiunge, "lui vive sulle montagne, non è delle zona". In realtà l'altro cittadino abita in corso Martinetti, sulle alture di Sampierdarena, vicino a largo Gozzano, ma abbastanza lontano per essere visto quasi come un foresto nella Sampierdarena che ormai da anni ha perso le sue radici e la sua storia.