Condividi:


Emergenza Covid, gli infermieri neolaureati sono pronti a scendere in campo

di Redazione

"Siamo felicissimi di poter contribuire in questo momento difficile", racconta Mattia Boero, ufficialmente infermiere da mercoledì scorso

In questo momento d'emergenza, l'arrivo di nuovi infermieri negli ospedali liguri è di fondamentale importanza: i circa 200 neolaureati che saranno "sformati" dall'università di Genova a novemebre sono già stati contattati per entrare subito in servizio. Mattia Boero è uno di loro: si è laureato l'11 novembre, e ha già ricevuto diverse offerte di lavoro.

"Sto valutando cosa fare, di certo noi neolaureati simo felicissimi di poter contribuire in questo momento difficile", racconta a Telenord. "Ho partecipato al bando per entrare subito nell'Asl 2, vediamo come va". L'obiettivo a lungo termine di Mattia è di diventare infermiere nelle aree critiche di pronto soccorso e rianimazione, e magari anche prendere un dottorato. "So che è un percorso lungo, ma del resto non si smette mai in studiare", scherza Mattia. 

Come motto, ha adottato una frase che ha sentito spesso già al primo anno di università: "Per fare questo lavoro serve una vera e propria vocazione: un conto è fare gli infermieri, un altro è esserlo".