È genovese la prima italiana a partecipare ai Mondiali di Cross Fit, la storia di Elisa Fuliano

di Edoardo Cozza

1 min, 55 sec

L'atleta 25enne si racconta a Telenord: "Con questo sport amore a prima vita: lo faccio da 3 anni e ho ottenuto risultati incredibili. Sarebbe bello andare alle Olimpiadi"

È di Genova la prima italiana che prenderà parte ai Cross Fit Games: si chiama Elisa Fuliano, ha 25 anni e si trova già a Madison, negli Stati Uniti, dove dal 3 agosto prenderà parte a quelli che possono essere definiti i Mondiali di Cross Fit: "Ma il livello per questa disciplina è come se fosse un'Olimpiade" racconta Elisa, che per arrivare a partecipare a questo evento ha dovuto superare quattro step di qualificazione: "Mai nessuna atleta azzurra era riuscita a raggiungere questo risultato: sono davvero onorata". 

Il Cross Fit è una pratica sportiva davvero particolare, una sorta di percorso in palestra o outdoor che mescola più discipline: "Si va dal sollevamento pesi all'atletica, dalla ginnastica al nuoto, fino alla corsa: tanti sport con 'workout' molto variegati. Possono essere più di forza o di resistenza o più di 'skill', di ginnastica. Serve una preparazione a 360 gradi per essere pronti, perché in competizioni come i Mondiali non conosciamo assolutamente il percorso che ci aspetta e non possiamo concentrarci soltanto su alcuni tipi di prova negli allenamenti precedenti". Elisa ammette candidamente che "c'è qualcosa da migliorare nel nuoto", ma nelle prove di sollevamento pesi e di stampo più ginnico "mi sento molto a mio agio". 

La passione per lo sport non è mai mancata, col Cross Fit è stato amore a prima vista: "Sono sempre stata una sportiva: ho fatto dieci anni di ginnastica artistica, poi un po' di atletica, ma da 3 anni ho scoperto il Cross Fit. Mi sono subito appassionata: lo trovo divertente e poi ottenere risultati prestigiosi mi ha aiutato, perché ci ho messo anima e corpo e ho fatto davvero tanti sacrifici". 

C'è il sogno di andare ai veri Giochi Olimpici? "C'è una disciplina gemella, che si chiama functional fitness, che sta avviando discorsi per far parte degli sport olimpici: un giorno non sarebbe male potervi partecipare, anche perché ho già preso parte ai mondiali dello scorso anno di questa disciplina". 

Genovese di nascita, Elisa da anni vive a Torino "per motivi di studio e ora anche sportivi", ma il legame con la sua città d'origine non lo ha certo dimenticato: "Spero di poter tornare presto a trovare la mia città".