Discoteche, si torna in pista al Covo di Nord-Est

di Redazione

Il locale di Santa Margherita è il primo nel Tigullio a riaprire alle danze (ma solo su prenotazione)

Nel primo sabato sera di riapertura delle piste da ballo nelle discoteche dopo il via libera della Regione Liguria, i locali del Tigullio hanno scelto la prudenza: la maggior parte ha deciso di rimandare il ritorno in pista, puntando su ristorazione e servizio bar. Il Covo di Nord-Est di Santa Margherita ha deciso di testare la ripresa delle danze, ma con molte cautele e un numero limitato di clienti.

"Abbiamo scelto di iniziare con calma, permettendo l'ingresso solo con prenotazione", spiega Matteo Canepa, uno dei soci del locale. "In tempi normali il Covo può far ballare circa 1200 persone, ma con le nuove norme di prevenzione ,che prevedono un distanziamento di 2 metri sulla pista, abbiamo dimezzato questo numero. Per il primo sabato, il 20 giugno, abbiamo voluto essere ancora più cauti: non ne faremo entrare più di 350". 

Gli addetti alla sicurezza fuori dal locale misurano la temperatura ai clienti e controllano che tutti indossino correttamente la mascherina; all'interno, numerosi cartelli ricordano le norme da seguire per ballare in sicurezza. "Le persone per ora mi sembrano rispettose delle nostre linee guida, si rendono conto della situazione", racconta Canepa.