Covid, Toti: "Facciamo anche la zona viola ma è tardi per cambiare regole"

di Redazione

Il presidente della Liguria invia un appello al governo: "Dove non c'è bisogno, non vedo perché si debba fare una stretta ulteriore"

Covid, Toti: "Facciamo anche la zona viola ma è tardi per cambiare regole"

"Per cambiare le 'regole' di Natale "è assolutamente tardi e siamo partiti con delle regole già di per sé piuttosto assurde". Lo ha detto il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti stamani a Radio Capital in merito alla possibile introduzione di ulteriori divieti a Natale per prevenire la terza ondata covid.

"Adesso parliamo di ulteriori interventi normativi che cambiano il quadro, dove ce n'è bisogno io sono anche per fare la 'zona viola', non solo la zona rossa. Ci mancherebbe altro, dobbiamo preservare la salute dei cittadini. Ma dove non c'è bisogno, non vedo perché si debba fare una stretta ulteriore", ha affermato Toti invitando nuovamente il Governo a non prendere misure omogenee a livello nazionale.

"I dati confermano la Liguria una Regione decisamente in fascia gialla, ragione per cui in questo momento mi risultano particolarmente preoccupanti le voci di possibili scelte di divieti omogenei nelle giornate di Natale". Aveva sottolineato Toti iera sera nel punto stampa sukll'emregnza coronavirus. "Se è vero che bisogna mantenere la prudenza, è anche vero che il sistema a zone deve essere tenuto in conto e laddove è possibile spero che gli italiani e le imprese possano avere un piccolo spazio di respiro senza misure omogenee e punitive, anche per territori che non lo richiedono", conclude Toti