Condividi:


Covid, Toti: "A Natale più liberi, a gennaio qualche sacrificio"

di Redazione

Il governatore della Liguria lancia l'idea della 'zona bianca': "Inizia una settimana decisiva, maggior libertà significa anche più responsabilità"

"Inizia una settimana decisiva per la Liguria". Lo scrive sui social il governatore della Liguria Giovanni Toti ricordando che la regione è "di nuovo in zona gialla" il che significa "maggior libertà ma anche più responsabilità da parte di tutti". La Liguria è "una delle regioni in cui la curva del contagio sta scendendo più rapidamente, diminuiscono i pazienti ricoverati e, cosa più importante, calano anche quelli in terapia intensiva" ma "arrivare qui, dopo settimane di lotta al virus, non è stato facile".

Dopo "tanta fatica - ha aggiunto ricordando lo sforzo della sanità e il sacrificio dei commercianti -, non possiamo rischiare di tornare indietro. Dal nostro comportamento nei prossimi giorni dipenderà un pezzo importante della nostra battaglia contro il Covid ma anche del futuro delle nostre attività. Un passo falso - ha concluso - potrebbe compromettere" la chance dei commercianti "di ripartire in sicurezza durante le feste natalizie e riprendere fiato dopo tante difficoltà. Ancora una volta dipende da tutti noi".

Introdurre una "zona bianca" per le Regioni in base al rischio covid per consentire "un Natale un po' più libero all'economia e alla socialità". E' la proposta al Governo del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti. "Oltre alle Regioni in area gialla forse è opportuno inserire quelle in area bianca, per consentire ulteriori libertà come i ristoranti aperti alla sera o la possibilità di seguire la messa di mezzanotte, dove il Covid ce lo consente",.

"Penso sia più opportuno consentire un Natale un po' più libero visto che è un pezzo importante  dell'economia del Paese, e se dovremo fare qualche altro sacrificio lo faremo a gennaio, tanto con il virus dovremo conviverci per tutta la primavera, quindi nella formula del 'ferma e riparti' è bene tenere un equilibrio tra benessere economico e contenimento del virus", conclude Toti.