Covid, ancora minacce di morte a Bassetti: "Ogni messaggio inviato alla Digos"

di Alessandro Bacci

L'infettivologo preso di mira sui social: "Questo è il risultato delle posizioni anti-scientifiche e delle affermazioni idiote di pseudo-colleghi"

Covid, ancora minacce di morte a Bassetti: "Ogni messaggio inviato alla Digos"

"Nelle ultime 48 ore ho ricevuto insulti di ogni tipo, minacce alla mia persona e persino minacce di morte". Lo riferisce l'infettivologo genovese Matteo Bassetti stamani via fb in seguito a un confronto sull'utilità dei vaccini andato in onda a A 'Non è l'Arena' su La7 "Ogni singolo messaggio è stato inviato alla Polizia Postale e alla Digos per le indagini del caso. I responsabili saranno perseguiti a norma di legge".

"Chiunque deciderà liberamente di continuare sarà prima denunciato alle forze dell'ordine e poi bannato da tutti i miei spazi social. Questo è il risultato delle posizioni anti-scientifiche e delle affermazioni idiote di pseudo-colleghi che meriterebbero immediati provvedimenti da parte delle Istituzioni." Conclude Bassetti.
 
Queste minacce attraverso i social seguono quelle di un mese fa che hanno indotto Bassetti a presentare denuncia per diffamazione e minacce aggravate. Da alcuni giorni per Bassetti su disposizione della Prefettura è stata disposta la 'vigilanza dinamica': non una scorta vera e propria bensì una particolare attenzione ai luoghi maggiormente frequentati dal medico, ormai vero e proprio influencer sui social, vale a dire la sua abitazione e il reparto di Malattie infettive al San Martino dove lavora, con frequenti passaggi delle pattuglie di polizia e carabinieri nell'ambito delle attività di controllo del territorio.