Condividi:


Covid-19, le prime immagini degli idranti della polizia usati per igienizzare le strade

di Michele Varì

Era dal G8 del 2001 che i mezzi in dotazione del reparto mobile non venivano utilizzati nelle vie di Genova

Sono gli stessi agenti del Vi Reparto Mobile di Bolzaneto in vena di Amarcord a sussurare pacati mentre fanno il pieno d'acqua,"per l'ordine pubblico li usiamo a Milano e Torino, ma a Genova non li adoperiamo dagli scontri del G8 del lontano 2001".

A suo modo l'operazione strade pulite avviata per fronteggiare il Covid-19 è quasi un evento e non solo da punto di vista sanitario.
La mezzanotte è appena passata, non fa freddo: la pancia dell'idrante Iveco blu della polizia è carico d'acqua miscelata con un igienizzante offerto dal Comune, il Bum enzimatico, lo stesso usato dagli operatori ecologici che lavano periodicamente le strade della città.


 Parte a quell'ora, con il rombo dei veicoli che rompe il silenzio della città deserta e i lampeggianti accesi, fra taxi, ambulanze e qualche clochard, la prima sanificazione delle strade di Genova voluta da questura e comune per fronteggiare il virus Covid-19 che da interminabili settimane ci costringe a stare tutti chiusi in casa come topi nella tana.


Viale Brigate Partigiane, via XX Settembre, piazza De Ferrari, piazza Dante, via Fiume, l'idrante della stazione Brignole per fare rifornimento d'acqua, i bidoni di igienizzante. L'idrante che spara acqua su ultrà e anarchici arrabbiati stavolta tenta di snidare il virus (forse) derivato da un pipistrello cinese. Le proviamo tutte, hai visto mai. E ci torna alla mente l'ormai consolidata consuetudine di lasciare le scarpe sullo zerbino di casa, come non avevamo mai fatto.
Il goffo veicolo della polizia vomita ventagli d'acqua insaponata senza ritegno e si lascia alle spalle l'asfalto patinano di umido e forse l'odore di pino balsamico, come sta scritto sui bidoni, anche se in realtà ad annusarlo non è poi così gradevole.

L'idrante, scortato da un paio di fuoristrada, come in un ballo schizzofrenico, fa un giro in centro e nelle vie di Albaro, sfiora la scuola Diaz, e vabbè lasciamo perdere i ricordi ormai alle spalle, poi torna in centro e si ferma accerchiato dai cameraman della scientifica che immortalano l'evento.
Negli stessi minuti si conclude il lavaggio periodico con gli idranti, questi a mano, degli operatori dell'Amiu, operazione questa per nulla eccezionale, di via San Lorenzo e altri vicoli del centro storico, che sembrano quadri tanto sono vuoti ed immobili.
Si muovono solo gli operatori dell'Amiu, tutti con la mascherina sul visto, "sì, abbiamo saputo dell'idrante della polizia, bene, usano il nostro prodotto, è un igienizzante che ha il potere di sanificare, persino di diserbare le erbacce, anche noi per sconfiggere questo virus ce la mettiamo tutta" assicurano allargando un sorriso e mostrando l'etichetta del Bum enzimatico.

Galleria