"Chi no cianze, no tetta": il saluto 'zeneise' di Papa Bergoglio ai cresimandi genovesi

di Marco Innocenti

"Anch'io ho un papà genovese - ha detto il pontefice - e so cosa vuol dire"

"Chi no cianze, no tetta": il saluto 'zeneise' di Papa Bergoglio ai cresimandi genovesi

"Chi no cianze, no tetta": ha scelto il dialetto delle sue origini liguri Papa Bergoglio per salutare i cresimandi genovesi presenti ieri a Roma. "Anch'io ho avuto un papà genovese - ha detto il Papa - e so cosa vuol dire". Poi il pontefice ha rivolto ai ragazzi l'invito ad essere generosi, sfatando il mito dell'avarizia dei genovesi.

Un bel modo di rivolgersi ai giovani genovesi che hanno ricambiato con una sonora risata - scrive in una nota Regione Liguria - La nostra comunità ama Bergoglio che è già stato a Genova nel 2017, e oggi rinnoviamo l’invito a ritornare da noi e riabbracciare la nostra città anche per visitare le neo nato museo dell’Emigrazione che raccoglie i nomi delle persone che sono partite da Genova per le Americhe, tra cui i genitori di Bergoglio, Maria Sivori e Jorge Mario”.