Casinò Sanremo, i sindacati avviano una vertenza per l'assunzione di 13 dipendenti su 37 da parte di Igea

di Tiziana Cairati

Nel mirino non c'è solo la parziale assunzione, ma anche le modalità usate con i lavoratori a cui è stato chiesto di dimettersi dalla vecchia azienda

Casinò Sanremo, i sindacati avviano una vertenza per l'assunzione di 13 dipendenti su 37 da parte di Igea

I sindacati Filcams Cgil e Uil Tucs hanno avviato una vertenza, ed ora chiedono l'apertura di un tavolo regionale, in seguito all'assunzione di soli 13 dipendenti su 37 da parte della società Igea srl, che si è aggiudicata l'appalto per la gestione del servizio di bar e ristorazione del Casinò di Sanremo, con decorrenza dallo scorso primo maggio, subentrando alla ditta Elior.

Nel mirino non c'è soltanto la parziale assunzione degli ex dipendenti, ma anche le modalità usate da Igea. "Ai lavoratori è stato chiesto di dimettersi dalla vecchia azienda, in pratica di licenziarsi, senza attuare il passaggio in mobilità dei lavoratori. Pertanto abbiamo chiesto all'assessore regionale al Lavoro Gianni Berrino di aprire un tavolo, affinché venga adottata la procedura di passaggio", afferma la sindacalista Laura Ciccarelli (Filcams Cgil).

Secondo quanto si apprende, l'Igea avrebbe assunto soltanto una parte dei dipendenti, rispondendo alle nuove esigenza della Casinò SpA, intenzionata a rinnovare soltanto il servizio bar e una parte della ristorazione, demandando l'altra parte del servizio ristorazione al catering. Nel frattempo, Elior ha messo in mobilità tutti i 37 dipendenti e i sindacati sollecitano Igea ad assumere tutti o, in subordine, ad assumerne soltanto una parte, ma con la procedura della mobilità.