Martedi, 20 agosto 2019  

Carignano, dopo un mese è di nuovo strage di multe in via Alessi

Nonostante cartelli, avvisi sulle auto e il clamore del caso Bucci non è cambiato nulla
2019-03-09T19:05:44+00:00

Se errare è umano, di certo perseverare non è intelligente. Soprattutto se sei di Genova e abiti in Carignano, dove nelle ultime settimane è scoppiato un vero e proprio caso mediatico. Tant’è: a distanza di un mese dal famigerato episodio delle multe sotto casa del sindaco, finito su tutti gli organi di informazione e pure in sala rossa a Palazzo Tursi, in via Alessi e dintorni è di nuovo strage di contravvenzioni. 

La spazzatrice di Amiu, annunciata dai cartelli fissi in fondo alla strada, è venuta a fare il suo dovere di prima mattina, ma ha trovato di nuovo tutta la strada occupata dalle macchine. Che, al di là della segnaletica verticale, erano state tappezzate di avvisi cartacei proprio per evitare che si ripetesse lo spiacevole inconveniente.

Il sistema dei ‘warning’ all’americana evocato da Bucci ha trovato quindi una specie di applicazione, ma a quanto pare non è servito a far sì che i residenti si premurassero di liberare la via per consentire la pulizia. A febbraio era stato il comandante Giurato, contattato da un furioso Bucci, a ordinare di sospendere la rappresaglia. Stavolta, invece, nessuna intercessione: i vigili hanno compilato decine di verbali: 29 euro e alla prossima…

TELENORD