Toti scrive a Speranza: "Servono regole chiare per i positivi-fantasma"

di Marco Innocenti

Sono le persone che, risultate positive ad un test fatto in casa, non sono state prese in carico dalle Asl perché oberate o perché si erano già negativizzate

Toti scrive a Speranza: "Servono regole chiare per i positivi-fantasma"

Il governatore ligure e assessore regionale alla sanità Giovanni Toti ha inviato al ministro della Salute Speranza una lettera per chiedere che intervenga con una norma che possa risolvere il problema dei 'positivi fantasma'.

"In queste settimane - scrive Toti su Facebook rivolgendosi ai liguri - mi avete scritto in tanti: persone che dopo essere risultate positive a un autotest Covid in casa, si sono rivolte al proprio medico ma le Asl, impegnate con un numero di casi fino a 40 volte superiori il livello di soglia previsto, non sono riuscite a prenderle in carico o non hanno fatto in tempo a registrale perché si erano già negativizzate. Un problema che riguarda tutto il Paese e che in Liguria, come in altre Regioni, abbiamo provato a risolvere rendendo validi i test di farmacie e laboratori, ma nonostante questo restano ancora casi di 'positivi fantasma'".