Condividi:


Tokyo 2020, Carraro e Bottaro ricevono la bandiera di Genvoa prima dei Giochi

di Edoardo Cozza

In vista dell'appuntamento olimpico il Comune ha consegnato i vessilli alla nuotatrice alla karateka, che rappresenteranno l'Italia e la città

Si avvicina sempre di più l'appuntamento olimpico di Tokyo 2020, così denominato anche se slittato di dodici mesi a causa della pandemia. Nella pattuglia di atleti italiani che prenderà parte alla spedizione a cinque cerchi vi sono anche due atlete genovesi: la nuotatrice Martina Carraro e la karateka Viviana Bottaro. Ad entrambe, già plurimedagliate mondiali ed europee, il Comune di Genova ha consegnato la bandierà della città, così da far sentire il legame della comunità con le sue due rappresentanti, che oltre ai colori azzurri difenderanno anche quelli del capoluogo ligure. 

Per Viviana Bottaro i Giochi Olimpici sono il coronamento di un sogno: "Da 15 anni faccio parte della nazionale, ma il karate diventa sport olimpico da questa edizione: per me è un orgoglio, perché rappresento un Paese, ma anche un intero movimento che fin qui non aveva avuto spazio. E poi questi Giochi saranno i più seguiti di sempre in televisione, perché saranno a porte chiuse" sottolinea la karateka.

Martina Carraro, invece, evidenzia come il rinvio abbia favorito più i giovanissimi: "Io arrivato da una medaglia mondiale, avrei certamente gradito che si tenessero lo scorso anno visto che non sono più una prima leva, ma non mi sono fatta battere anche se i giovani sono emersi con forza". 

A rappresentare il Comune di Genova vi era l'assessore ai grandi eventi Paola Bordilli: "Queste consegne dei vessilli sono diventate un appuntamento importante: è un modo per avvicinarci ancora di più a un simbolo di una comunità che si vuole ritrovare anche con lo sport". 

Presente anche il consigliere comunale con delega allo sport Stefano Anzalone: "Sono pochi gli atleti che raggiungono questi obiettivi: in questo modo mostriamo l'orgoglio e la riconoscenza che abbiamo per loro, per le società e per le famiglie che hanno contribuito a questi risultati".