Condividi:


Genova, la bandiera di San Giorgio agli atleti che andranno alle Olimpiadi di Tokio

di Marco Innocenti

Una delegazione di 4 atleti genovesi ha ricevuto il vessillo della città: "Porteranno con loro tutto il tifo della loro comunità"

Potranno portare con loro un simbolo di Genova, sono i quattro atleti che, domenica mattina, hanno ricevuto la bandiera di San Giorgio dalle mani del vicesindaco Massimo Niccolò e dell'assessore Paola Bordilli: le ginnaste Alice e Asia D'Amato, medaglia di bronzo ai Mondiali di Stoccolma, il nuotatore Alberto Razzetti, primatista italiano delle Fiamme Oro, e Francesco Bocciardo, nuotatore e campione paralimpico a Rio 2016.

“Il vessillo di San Giorgio – commenta il vicesindaco Massimo Nicolò - accompagnerà tutti gli atleti genovesi e liguri ai prossimi giochi olimpici. Abbiamo voluto regalare agli olimpionici genovesi la bandiera della città per far sentire il tifo di tutta Genova, la vicinanza di un’intera comunità che saprà infondere ancora più forza e coraggio a queste ragazze e ragazzi nell’affrontare una delle sfide più importanti della loro carriera sportiva. A tutti gli atleti liguri e genovesi in particolare va un grande in bocca al lupo da parte nostra e di tutta Genova”.

“La Bandiera di San Giorgio è il simbolo che unisce tutti noi genovesi – dichiara l’assessore Paola Bordilli - siamo orgogliosi di aver consegnato oggi, per la prima volta, alla delegazione dei nostri atleti olimpici il simbolo di Genova che sarà portato a Tokio tra qualche settimana. Ogni genovese, ovunque si trovi nel mondo, porta con sé i valori della nostra comunità e nel cuore la bandiera di San Giorgio, che sa sventolare sempre alta nei momenti di serenità della città, ma anche in quelli più drammatici. L’auspicio è che gli atleti genovesi possano trovare nella nostra bandiera ancora più forza e tenacia per affrontare i giochi olimpici, sentendosi ambasciatori di un’intera comunità, nella consapevolezza che una città intera sarà al loro fianco per raggiungere i traguardi che si sono posti”.