Savona, Toti presenta la lista di Cambiamo: "La città non tornerà al passato"

di Alessandro Bacci

Schirru: "Abbiamo un programma concreto, ponderato e basato su un'analisi approfondita della città"

"Posso garantire che Savona non tornerà al passato, ai disastri del centrosinistra che ha trascinato Savona nel baratro. Savona ha bisogno di seguire il percorso di crescita e sviluppo che Regione Liguria vuole imprimere a tutto il nostro territorio e accelerare il passo rispetto a cose che sono rimaste indietro dalla passata amministrazione". Lo ha detto oggi pomeriggio il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, presentando a Savona la lista che Cambiamo schiera a sostegno del candidato sindaco Angelo Schirru alle prossime elezioni amministrative. Capolisti saranno due assessori uscenti, Pietro Santi e Ileana Romagnoli.

"E' una lista molto buona" ha confermato Toti, che ha risposto così alle mire espresse nei giorni precedenti da Santi sul posto da vicesindaco: "Chi prenderà i voti avrà voce in capitolo". La partita in questo senso sarà con la Lega: "Io mi auguro che il Carroccio vada molto bene - ha risposto il governatore - Io sono in corsa per garantire a questa città una giunta che ha la volontà e gli stessi obiettivi della Regione. Avere un sindaco anche a Savona vuol dire continuare le politiche sul porto e sul dissesto idrogeologico, sull'ambiente e sulla rigenerazione urbana che altri non hanno saputo fare nel modo più assoluto".

"Abbiamo un programma concreto, ponderato e basato su un'analisi approfondita della città - ha detto invece il candidato sindaco Schirru, ex primario in pensione - La foto della città in questi anni è stata a tratti impietosa ma Savona ha potenzialità: la città deve tornare capoluogo dialogando con gli altri comuni. Ora dobbiamo cercare di raggiungere tutti gli strati sociali ed entrare nel tessuto della città".

"Siamo stati i primi a raccogliere le firme , i primi a presentare la lista e questa mattina quando è stato estratto l'ordine siamo usciti per primi - ha notato il coordinatore regionale di Cambiamo, Angelo Vaccarezza - Alle regionali ci attribuivano l'8% e abbiamo preso il 22: ora sta ai savonesi confermare quel risultato. Il nostro sogno è riportare il centro ai vertici della politica nazionale".