Sabato, 20 luglio 2019  

Petrolchimico, Rixi sposa l’idea M5s: “Depositi sulla nuova diga del porto”

Il viceministro a Telenord: "Devono stare lontano dalle case, su questo Genova si gioca la credibilità"
2019-04-05T21:09:25+00:00

I depositi chimici di Multedo? “Non li vedrei male sulla nuova diga foranea”. A offrire l’assist della ‘quarta via’ è il viceministro delle infrastrutture e dei trasporti Edoardo Rixi durante un’intervista esclusiva a Telenord, poche ore dopo l’infuocato consiglio municipale a Voltri dove il presidente del porto Signorini ha ribadito che “non si farà nulla senza il consenso della popolazione”. Una soluzione che il Movimento 5 Stelle aveva già proposto al sindaco Bucci nell’ottobre del 2017.

“I depositi lì dove sono non possono stare – ha spiegato Rixi – ma le ipotesi che si portano avanti non devono colpire zone sensibili della città. Io non li vedrei male, ad esempio, sulla nuova diga foranea. So che loro (Superba e Carmagnani, ndr) hanno problemi perché comunque hanno bisogno di una stazione di pompaggio a terra collegata con la ferrovia. A mio avviso ci può essere quella possibilità. Si tratta solo di usare un po’ di intelligenza e di fantasia, sia da parte di chi è proprietario dei depositi sia da parte del tessuto cittadino generale”.

In ogni caso, ribadisce Rixi, i depositi vanno spostati da Multedo. “Non vorrei che qualcuno preferisse tenerli lì, questo non credo vada bene per la vicinanza con le case e per la difficoltà di fare investimenti che garantiscano la sicurezza dell’abitato per i prossimi 10-20 anni. Su questa scommessa si gioca molto la credibilità di Genova nel riuscire a dare risposte che tengano conto delle esigenze della popolazione”.

E da parte del viceministro arriva anche l’altolà sull’ipotesi di una collocazione al Vte di Pra’, dapprima la più caldeggiata dall’Autorità portuale (secondo Signorini era “la più sostenibile”) ma fortemente osteggiata dal territorio che ha costretto San Giorgio a un mezzo passo indietro. “È una visione vecchia, se ne parlava ancora ai tempi di Merlo. A mio avviso ogni spostamento che si fa in porto deve portare un miglioramento della qualità di vita della popolazione dell’intero arco portuale genovese”.

“È dal 2015 che parliamo di questa possibilità, era anche nel mio programma – commenta Luca Pirondini, consigliere comunale M5s ed ex candidato sindaco rivale di Bucci -. Siamo ben felici che qualcuno prenda in considerazione questa ipotesi. Sarebbe una vera soluzione al problema”. Merito del dialogo tra i due partiti di governo? “Assolutamente no – afferma Pirondini -. Anche se chissà che il nostro incontro con Bucci non sia stato foriero di questa proposta”.

L’intervista integrale al viceministro Edoardo Rixi

Fabio Canessa

TELENORD