Martedi, 21 maggio 2019  

Nuova diga, Rina: “Faremo ricorso al Tar, ma senza bloccare l’iter”

L'ad Salerno: "Decisione sofferta, ma non vogliamo vedere opere interrotte"
2019-05-18T09:08:31+00:00

“Abbiamo deciso di notificare un ricorso senza interruzione dei termini”. Ad annunciarlo ai microfoni di Telenord è Ugo Salerno, amministratore delegato del Rina, che conferma l’intenzione di procedere al Tar della Liguria contro l’assegnazione della progettazione della nuova diga del porto a Technital, società del gruppo Invitalia, senza tuttavia voler bloccare l’iter.

“È stata una decisione sofferta perché da un lato pensiamo di offrire il massimo possibile, quindi eravamo pronti a bloccare l’iter, dall’altro la nostra filosofia è quella di non vedere le opere interrotte”, spiega Salerno.

Che si dice sicuro di spuntarla al tribunale amministrativo: “Noi confidiamo assolutamente di vincere il ricorso. Crediamo di avere ragioni più che solide per poter dimostrare che la nostra offerta era complessivamente la più conveniente”.

TELENORD