La nuova Amiu, un contratto di servizio per 31 comuni metropolitani

di Redazione

Il progetto comprende: investimenti sugli impianti di Scarpino, Volpara e Dufour, incremento della raccolta differenziata e nuove assunzioni

Dal 2021 per Amiu partirà un grosso contratto di servizio che riguarderà  ben 31 comuni dell'area metropolitana di Genova, un contratto che pconta su importanti investimenti che prevedono un incremento della raccolta differenziata e un potenziamento degli impianti di smaltimento rifiuti.

"Per me, questa, è una grande operazione perché Amiu è un'azienda che in molti davano per fallita qualche anno fa - racconta Pietro Pongiglione Presidente di Amiu ai microfoni di Telenord -oggi, invece, può contare su un contratto di servizio di 15 anni, ed è un dato di cui tante aziende pubbliche o private non possono vantarsi, ma che soprattutto da la possibilità di fare investimenti e di fare assunzioni. Tra i nostri obiettivi ci sono quelli di crescere e di consolidarci anche grazie a investimenti mirati.”

Tra questi Pongiglione ne indica alcuni fondamentali: ”Penso all’impianto di Scarpino in cui costruiremo il tmb, l'impianto di trattamento meccanico-biologico del quale è già stato predisposto il cantiere e la cui costruzione comincerà il primo gennaio prossimo, poi prevediamo di rivedere completamente sia l'impianto di Volpara che è già stato oggetto di una  grande trasformazione alla fine anno scorso e dell’impianto di Dufour, fondamentale per il trattamento dell'umido”.  “Tutto questo lavoro sugli impianti è ovviamente necessario per centrare gli obiettivi che ci siamo preposti e soprattutto per poter servire adeguatamente questi 31 comuni” ha specificato il Presidente di Amiu.

Un altro obiettivo fondamentale per Amiu è quello di aumentare la raccolta differenziata nel comune di Genova: “Dovremo fare anche molta comunicazione- ha sottolineato Pongiglione - perché ovviamente i cittadini non devono essere incerti su come smaltire i propri rifiuti, purtroppo dovremo ricorrere anche alle sanzioni perché, a volte se uno non prende le multe continua a comportarsi male.”