Rinascita degli hotel con sorpresa: prime prenotazioni per giugno e agosto

di Michele Varì

1 min, 29 sec

Registrate all'"Helvetia". Il "Veronese" invece scopre quei clienti arrivati da Whuan

All'Hotel Veronese di vico Cicala, nel centro storico di Genova affacciato sul porto Antico e sull'Acquario gli ultimi clienti a fine febbraio sono stati una famiglia arrivata dal confine fra Svizzera e Lombardia, frontalieri italiani, piena zona rossa, tanto che guardando le immagini alla tv di quanto stava accandendo a casa loro non erano sicuri di poter tornare. 

La ricorda bene la proprietaria del Veronese, Debora Amato che poi, a pandemia in corso, andando a curiosare fra le comitive di turistini cinesi che erano stati alloggiati nelle sue camere mesi addietro ha scoperto che alcuni erano arrivati da Whuan, la città dove è nato il coronavirus,

Storie di piccoli alberghi del centro di Genova che si preparano a riaprire con tanto sanificazione di tecnici vestiti che sembrano acchiappafantasmi e che con due o trecento euro igienizzano un hotel intero, anche se la corsa alla sanificazione, come racconta il tecnico incontrato al Veronese, non risparmia i cittadini che sanificano appartementi e pure le auto.

L'Hotel Helvetia di Nedo Ottonello, in piazza della Nunziata, è rimasto orgogliosamenrte aperto, "perchè dispiace abbandonare la nave quando rischia di affondare", dice il titolare che ipotizza che solo l'1% degli hotel italiani è rimasto aperto durante il lockdown. Il suo fra questi, e qualcosa ha raccolto, le briciole dei grandi alberghi costretti a chiudere per le spese troppo ingenti. I clienti? Operai, del nuovo Ponte ad esempio, come il gruista milanese, rientrato in serata dalla Valpolcevera e già pronto a festeggiare la prima macchina che transiterà sull'asfalto del nuovo ponte, per luglio si spera.

Hotel pronti a partire nonostante tutto, il barlume, la speranza sono le prime due prenotazioni giunte oggi all'Helvezia, per luglio e per agosto, dall'Italia, forse trasfertisti, forse turisti. Ma l'importante è riaccendere i motori.