Tags:

prefettura perrotta

Genova, il nuovo prefetto Perrotta si presenta: "Visiterò ogni Comune"

di Redazione

Laureata in Giurisprudenza, 59 anni, proviene da Roma. Sostituirà il prefetto Fiamma Spena

Genova, il nuovo prefetto Perrotta si presenta: "Visiterò ogni Comune"

"A breve comincerò a visitare tutti i Comuni perché conoscendo le realtà si migliorano le risposte da dare. Sarò al servizio di cittadini, lavoratori e autorità. Il mio predecessore, il prefetto Fiamma Spena, ha lavorato molto bene in tutti i campi: dalla crisi aziendali alla sicurezza: io continuerò sulla linea tracciata da lei".

Così il neo prefetto di Genova Carmen Perrotta si presenta. Laureata in Giurisprudenza, 59 anni, proviene da Roma, dal Dipartimento pergli Affari internazionali e territoriali del Viminale con l'incarico di direttore centrale per gli uffici territoriali del Governo e per le autonomie locali. È prefetto dal 2011. Giornalista pubblicista scrive su riviste specializzate e sul Sole 24 Ore."Ho avuto come comitato di accoglienza a Genova una allerta arancione - dice con ironia incontrando i giornalisti - e ho trovato un atteggiamento costruttivo nei sindaci e nei responsabili della Protezione civile. Qui in questo campo non siamo certamente all'anno zero. Il mio impegno è continuare su questo modello".

Presentandosi sottolinea di essere stata sempre in Prefettura di essersi occupata di finanza locale, discioglimento di enti, dell'applicazione della legge Severino e dè stata di supporto alle prefetture per il registro delle fondazioni. "Mi sono occupata anche di migrazioni al tempo della Primavera araba", dice. Tra i temi caldi per il territorio genovese ricorda, tra gli altri, la viabilità e l'applicazione dei protocolli per il Terzo Valico e per Ponte Morandi. E tra le criticità indica la carenza di organico in prefettura, che è comune alle altre sedi: sono 120, pari al 64% della pianta organica. "Ma c'è dedizione da parte di tutti", sottolinea. Nei primi incontri fatti con le autorità "ho trovato un clima di grande coesione, rafforzato dal crollo del ponte che in tutti ha suscitato la voglia di dare un contributo alla rinascita,della città", dice.