Genova, domenica niente metro: verranno cambiati i sistemi di segnalamento

di Edoardo Cozza

L'ultimo passaggio dei lavori per ammodernare la linea porta allo stop di un giorno, ma Amt ha organizzato navette sostitutive

Genova, domenica niente metro: verranno cambiati i sistemi di segnalamento

La metropolitana di Genova si rinnova grazie all’evoluzione della tecnologia e ad un nuovo sistema computerizzato che governerà la gestione dei treni in linea. Da più di un anno la metro è oggetto di interventi di ammodernamento e manutenzione che hanno permesso di innovarne i complessi sistemi di gestione. Le molte lavorazioni sono programmate ed eseguite alla sera, con chiusure anticipate, per non creare eccessivo disagio ai cittadini, abituati a servirsi della metro per gli spostamenti quotidiani.

 Nell’ambito di questo articolato progetto di ammodernamento rientrava l’installazione del nuovo sistema di segnalamento e automazione finanziato con 7 milioni di euro dal Ministero dei Trasporti. Quest’attività, iniziata circa un anno fa, si concluderà domenica 14 novembre, quando il vecchio sistema per il segnalamento verrà sostituito con il nuovo e la nuova tecnologia, già presente alla stazione di Brignole, verrà avviata anche presso le stazioni di Brin, Dinegro e al deposito di Dinegro. L’operazione di scambio dei due sistemi non si potrà fare con il servizio di linea attivo, per questo motivo domenica 14 novembre la metro resterà chiusa tutto il giorno.

Per quanto riguarda il deposito di Dinegro, il sistema di segnalamento e automazione è stato installato ex novo, questo consentirà una più agevole ed efficiente gestione dei treni che sarà completamente automatizzata e non necessiterà più di personale addetto alla movimentazione dei mezzi.

Ma cosa prevede la nuova tecnologia? Di fatto si passerà da un meccanismo a “relais” ad uno computerizzato di ultima generazione, classe 2020, che consentirà una maggior efficienza nella gestione e controllo dei treni della metropolitana. Il sistema di segnalamento e automazione ha un ruolo fondamentale nel garantire la circolazione in sicurezza dei convogli: l’apparato di controllo di terra dialoga costantemente con quello di bordo fornendo importanti informazioni in tempo reale, come il distanziamento fra i treni, la velocità massima consentita in un determinato punto e la segnalazione dei semafori. "La chiusura del 14 novembre potrà creare qualche disagio ai cittadini, ce ne scusiamo in anticipo, ma la scelta dello stop domenicale è stato fatto per non incidere sul servizio feriale" scrive Amt in un comunicato.

Contestualmente alla chiusura sarà rinforzato il servizio bus; in particolare saranno attivati due collegamenti tra Brin e Fanti d’Italia e tra Principe e Brignole. Di seguito il dettaglio.

Navetta Brin - Fanti d’Italia

Direzione via Fanti d’Italia: Brin, via Fillak, piazza Montano, via Cantore, Dinegro, via Buozzi, via San Benedetto, via A. Doria, via Fanti d’Italia.

Direzione Brin: via Fanti d’Italia, via San Benedetto, via Buozzi, via di Francia, via Buranello, piazza Montano, via Fillak, Brin.

La prima partenza da Brin e Fanti d’Italia sarà alle ore 6.00, l’ultima partenza dai capolinea sarà alle ore 21.00.

Navetta Principe - Brignole

Direzione Brignole: Principe, via A. Doria, via Adua, via Gramsci, piazza della Nunziata, largo Zecca, piazza Fontane Marose, piazza De Ferrari, via XX Settembre, via Cadorna, viale D’Aosta, Brignole (ex capolinea Volabus).

Direzione Principe: Brignole (ex capolinea Volabus), via Fiume, via XX Settembre, piazza De Ferrari, via Roma, piazza Corvetto, piazza Portello, largo Zecca, via Balbi, Principe.

La prima partenza da Principe e Brignole sarà alle ore 6.00, l’ultima partenza dai capolinea sarà alle ore 21.00.

La metro riaprirà regolarmente lunedì 15 novembre con la prima corsa delle ore 5.00 da Brin e Brignole.