Covid in Liguria, l'appello del Garante all'infanzia: "La scuola ripensi agli spazi per limitare l'uso delle mascherine"

di Redazione

"Condivido le perplessità e le preoccupazioni sugli effetti negativi dei dispositivi di protezione che rischiano di provocare disagi"

Covid in Liguria, l'appello del Garante all'infanzia: "La scuola ripensi agli spazi per limitare l'uso delle mascherine"

Il garante dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza della Liguria Francesco Lalla in una lettera al comitato 'Riapriamo la Scuola della Costituzione' e alla 'Rete nazionale scuole in presenza' "condivide le preoccupazioni sui dpi a scuola e chiede alle istituzioni e agli educatori di adottare condizioni più favorevoli per limitare l'uso delle mascherine".

All'Ufficio del Garante sono arrivate oltre 600 segnalazioni di genitori contrari ai dispositivi in aula. "Condivido le perplessità e le preoccupazioni - spiega il Garante - sugli effetti negativi delle mascherine, che rischiano di provocare disagi sia sotto il profilo psicologico che nelle relazioni interpersonali fra i minori, e ribadisco il mio appello alle Autorità competenti affinché, soprattutto in questa fase dell'emergenza, siano superate alcune prescrizioni e agli Educatori scolastici affinché adottino le misure necessarie per limitare l'utilizzo di questi dispositivi.

"Sono convinto, infatti, che un sistema adeguato di areazione delle aule e, dove possibile, l'utilizzo di spazi esterni come cortili o giardini, soprattutto ora che la bella stagione lo consente, siano sufficienti per salvaguardare non solo la salute ma anche il benessere complessivo degli studenti, come è sancito peraltro dalla Convenzione sui Diritti del Fanciullo.

Per quanto riguarda il futuro prossimo sarebbe bene che gli enti e le istituzioni scolastiche ripensino il concetto di spazio dedicato all'infanzia e all'adolescenza - conclude Lalla - promuovendo interventi di edilizia scolastica necessari a migliorare e adeguare gli ambienti e le aule alle esigenze di sicurezza cogliendo le opportunità di finanziamento del Pnrr".

"Lo chiedete in tanti tra genitori, alunni e oggi lo ha fatto anche il Garante dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza che ha formalmente ricevuto 600 segnalazioni di genitori contrari ai dispositivi di protezione individuale in aula. Queste richieste sono esattamente in linea con quanto arriva dal confronto con il mondo della scuola. In questo scorcio di fine anno scolastico è importante eliminare l'obbligo delle mascherine in classe per ragazzi che una volta fuori si trovano a non averle". Lo scrive sui social l'assessore regionale alla scuola Ilaria Cavo commentando la posizione espressa oggi dal Garante per l'infanzia Lalla. "La richiesta di togliere l'obbligo della mascherina nelle aule scolastiche verrà portata avanti dal nostro presidente Giovanni Toti in Conferenza dei Presidenti con la speranza - conclude Cavo - che venga accolta per una scelta di buonsenso".