Condividi:


Covid, Ansaldi: "Il rischio complessivo della Liguria rimane elevato"

di Redazione

"Abbiamo il 31% dei posti letto di terapia intensiva occupati e circa il 42% delle media intensità occupate. Due nuovi casi ogni diecimila abitanti"

"L'indice Rt attuale sul contagio covid in Liguria è uguale a 1.02". Lo spiega il responsabile Prevenzione di Alisa Filippo Ansaldi nel punto stampa sull'emergenza coronavirus. "Abbiamo il 31% dei posti letto di terapia intensiva occupati e circa il 42% delle media intensità occupate. Attualmente in Liguria registriamo due nuovi casi ogni diecimila abitanti, qualche settimana fa eravamo attorno all'1,5".

"Da lunedì la Liguria è stata inserita in zona di rischio gialla perché l'Iss ha preso in considerazione il limite inferiore dell'intervallo dell'indice Rt pari a 0,95. Occorre prestare grande attenzione e mantenere il distanziamento. Il rischio complessivo della Liguria rimane elevato, visto l'impatto in corso sulle strutture ospedaliere".

Al momento in Liguria non sono stati registrati casi covid della cosiddetta 'variante inglese'. Lo conferma il responsabile Prevenzione di Alisa Filippo Ansaldi stasera a Genova a margine del punto stampa sull'emergenza coronavirus spiegando che "tutti i tamponi analizzati vengono inviati a Roma dove non è stata mai segnalata la presenza della variante inglese'. Alcuni giorni fa in un rsa imperiese era stato segnalato un probabile caso della cosiddetta 'variante inglese', ma si è trattato di un falso allarme.