Condividi:


Controlli a tappeto fra Pasqua e Pasquetta: 19 positivi evadono dalla quarantena

di Marco Innocenti

Un 25enne a Imperia: "Ho visto la bella giornata e non ho resistito a un bagno in mare"

Dopo la lunga serie di controlli nella giornata di Pasqua, anche per il lunedì di Pasquetta, solitamente dedicato alle gite fuori porta e alle grigliate sui prati, resta alto il livello di guardia contro i 'furbetti dell'evasione dall'isolamento'. Ieri, domenica di Pasqua, sono state 2665 le persone controllare dalla sola Polizia Locale e 102 di queste (il 3,2%) è stato multato. Controllate anche 11 attività commerciali aperte. Erano tutte in regola. In Italia, invece, sono state ben 19 le persone positive al Coronavirus che sono state fermate dopo essere uscite dalla propria abitazione. Per loro è scattata la denuncia per non aver osservato la quarantena obbligatoria. 

Come al solito, non mancano i casi limite e quelli curiosi. Nel savonese, una coppia è stata fermata dalle forze dell'ordine a bordo della propria auto mentre faceva ritorno a casa. La moglie lavora in una casa di riposo di Cogoleto ma non ha la patente. Per questo, il marito (che peraltro lavora con operatore sanitario nella stessa struttura) era andato a prenderla in macchina. A nulla sono valse le giustificazioni della coppia: "Non pensavo di incorrere in una sanzione - è stato il commento del marito - evitare di farle prendere i mezzi pubblici mi sembrava il modo più sicuro per farla tornare a casa". Gli agenti hanno staccato una multa da 533 euro. "Forse abbiamo torto, ma la frustrazione è terribile" il racconto della donna.

Nel tardo pomeriggio di ieri, invece, un 25enne di Sanremo abitante a Imperia è stato multato dai carabinieri che lo hanno sorpreso a fare il bagno in zona Borgo Foce. I militari hanno notato il giovane appena uscito dallì'acqua, lo hanno così raggiunto e multato per 400 euro. "Pensavo di non far nulla di male - ha detto ai carabinieri - Ho visto la bella giornata di sole e ho deciso di approfittarne per farmi un bagno".

E' stato invece arrestato un uomo di 34 anni, originario del Gabon, rintracciato dagli agenti del commissariato di polizia di Cornigliano mentre, protetto dalla mascherina, continuava tranquillamente la sua attività di spaccio in via Gramsci. Quando la volante si è avvicinata, il pusher ha iniziato a scappare. Durante la fuga si è disfatto della mascherina e di alcuni involucri. Gli agenti lo hanno raggiunto in vico Piuma, nel centro storico, e addosso gli hanno trovato 38 dosi di cocaina e sei grammi di eroina.