Cingolani a Genova: "Col Pnrr il bando porti verdi: è una grande opportunità"

di Edoardo Cozza

Il ministro della transizione ecologica: "Ci sarà una costante programmazione di nuovi bandi, ma dobbiamo lavorare con attenzione per essere sostenibili"

"La transizione ecologica e la transizione sociale devono andare insieme, farò di tutto affinché vadano avanti allineate". Lo dichiara il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani stamani a Genova al convegno "Verso una transizione sociale - Quale sviluppo per il futuro della Liguria" organizzato dalla Cgil. "Questa cosa qui va gestita bene altrimenti le categorie più vulnerabili pagheranno un conto che non spetta a loro - paventa Cingolani -. Dovremo lavorare con molta attenzione per far sì che la transizione avvenga e sia sostenibile".

"È uscito il bando per i progetti dei porti verdi e sarà una grandissima opportunità per Genova che è il primo porto italiano, usciranno presto quelli per le isole verdi e per l'economia circolare: i nuovi impianti e la trasformazione dei rifiuti. Investiremo oltre 2 miliardi per gli impianti di economia circolare - prosegue Cingolani - e la raccolta differenziata deve arrivare al 75%, i restanti materiali vanno recuperati, in discarica ci deve finire meno del 10%" ha aggiunto il ministro, che non interviene direttamente sull'ipotesi di una riconversione di parte dell'ex'Ilva: "Ci sono 50 progetti in ballo in tutta Italia, non posso discutere direttamente di questo".

"Nei prossimi mesi avremo una cadenza costante di nuovi programmi che partono in base al Pnrr, dovremo essere velocissimi, speriamo che la semplificazione burocratica fatta con il Decreto Semplificazioni funzioni" conclude il ministro.