Condividi:


“La Casa del Festival” celebra la cultura: al via la rassegna “Writers”

di Redazione

Dal 3 all’8 febbraio sul palco del Teatro Ivan Graziani spazio a libri e autori

Non solo musica e spettacolo a Casa Sanremo 2020, che aprirà ufficialmente le sue porte domenica 2 febbraio,  alle ore  19,  con  il  Presidente  del  Consorzio  Gruppi  Eventi Vincenzo  Russolillo al  fianco di Antonio Marano, Presidente di Rai Pubblicità. Anche  la  cultura  ha  da  sempre  un  ruolo  centrale  nello  spazio  allestito  al  Palafiori,  trovando  in Casa Sanremo” un salotto ideale, che offre al pubblico la possibilità di conoscere tanti scrittori italiani e una preziosa occasione di confronto durante la settimana del Festival della Canzone italiana.

Nel corso di questa tredicesima edizione un’attenta selezione di titoli animerà la rassegna “Writers” che,  sul  palco  del Teatro  Ivan  Graziani,  vedrà  alternarsi  romanzi  di  grandi  firme  del giornalismo italiano,  anteprime  nazionali  assolute,  emozionanti  biografie  di  personaggi  dello  sport  ma  anche racconti straordinari e storie di musica, senza dimenticare i volumi dedicati alla formazione e ai temi di grande attualità, introdotti da CataldoCalabretta. Il pubblico incontrerà Paolo Rossi, Federico Moccia, Dario  Salvatori, Antonio  Emilio  Caggiano,  Claudio  Guerrini, Roberto  Cerè,  Carlo  Massarini e Ivano Scolieri, Paolo Lunghi, Rita Cavallaro e Emilio Orlando, Olimpio Talarico e Paolo Mezzana.

Il programma

Lunedì 3 febbraio Ore 18:30 “Transistor –Dalle Radio Libere a Facebook” di Paolo Lunghi. Ad un anno di distanza, l’ultimo lavoro letterario di Paolo Lunghi torna in libreria in una versione più ricca, con maggiori contributi e testimonianze. “Transistor” affronta ancora una volta il tema della comunicazione, in particolare la radio com’era e come sarà, con i nuovi media e i social come Facebook. Un libro interessante che analizza il fenomeno delle Radio Libere ad oltre quarant’anni dalla nascita, raffrontandolo all’attuale sviluppo dei Social Network.

Martedì 4 febbraio Ore 18:30 “C’era una (prima) volta” di Claudio Guerrini. Il lavoro editoriale di Guerrini trascina il lettore in una girandola di emozioni che solo le favole piùbelle possono trasmettere: incontri (e lunghe chiacchierate) con Enrico Mentana, Giuliano Sangiorgi, Noemi, Paolo Genovese, Virginia Raggi, Paolo Rossi, Dario Ballantini, Ludovica Pagani, Michele Guardì, Giovanni Malagò, Sandra Milo, Eduardo Montefusco, Francesca Stella.

Ore 19:00 “Guarda che Mun Tunait” di Antonio Emilio Caggiano. Il giornalista Caggiano racconta la storia di un gruppo di studenti universitari di “stanza” a Roma, con provenienze e interessi molto diversi e distanti l’uno dall’altro ma tutti con l’obiettivo di ritagliarsi un posto nel presente, che si interroga sul significato dell’amore. In questo insieme di anime in perenne movimento si inserisce la storia d’amore di Antonio e Lucilla, due giovani che si trovano, si amano, si confrontano e rischiano di perdersi.

Mercoledì 5 febbraio Ore 18:30 “Aforismi: Amore, Business e Salute” di Roberto Cerè. Dai pensieri di un genio come Steve Jobs alle perle filosofiche di Milan Kundera passando per quelle di personaggi storici come Theodore Roosevelt: tre volumi –Amore, Business e Salute -pubblicati da Roberto Cerè, uno dei mental coach più famosi al mondo, autore del best seller "Se vuoi puoi", che raccolgono le frasi più potenti e motivanti per raggiungere risultati straordinari nel mondo del lavoro e nella vita.

Ore 19:15 “La ragazza di Roma Nord” di Federico Moccia

Federico Moccia-scrittore best seller, autore televisivo, sceneggiatore e autore per il cinema –racconta questa storia, intrigata e appassionante, che vede come protagonista un giovane, Simone, che scopre il tradimento della sua compagna e si invaghisce di un’altra ragazza conosciuta durante un viaggio su un treno.

Giovedì 6 febbraio Ore 19:30 “Pianoforte -7 note di armonia manageriale” di Carlo Massarini e Ivano Scolieri. Massarini e Scolieri, ispirati dal fascino del pianoforte, costruiscono un viaggio che unisce Management e Musica, cadenzato e ordinato dalle note di pianoforte. Ogni nota ha un determinato suono, una sua intensità che permette di collegarla, con riferimenti e citazioni, sia al mondo del lavoro sia a quello più popolare della musica. Ogni nota diventa il tempo e il perimetro di un racconto manageriale, raccogliendo diverse esperienze reali vissute in importanti organizzazioni nazionali e internazionali.

Ore 20:00 “Cosa Rimane dei Nostri Amori” di Olimpio Talarico. Talarico racconta una “storia meridionale” il cui protagonista è Caccuri, un borgo calabrese che è un piccolo scrigno di ricchezze contrastanti, di asprezze e dolcezze insieme. Con i suoi odori, i suoi sapori, i suoi colori. E naturalmente i suoi misteri.“22 Gradini per l’Inferno” di Emilio Orlando e Rita Cavallaro. Un viaggio negli abissi più profondi e bui della mente umana, attraverso i serial killer italiani più spietati. Dal mostro di Nerola al Landru della Bassa, dalla Saponificatrice di Correggio al killer delle prostitute, fino al mostro di Firenze e tanti altri. Gli autori non raccontano solo gli orrendi crimini di cui si sono macchiati questi individui, ma per la prima voltaentrano nella testa del serial killer, per misurarne il grado di crudeltà.

Venerdì 7 febbraio Ore 18:00 “Quanto Dura un Attimo” di Paolo Rossi con Federica Cappelletti. L’autobiografia di un ragazzo che ha sfidato la sorte fino a diventare leggenda, realizzando il suo sogno di bambino e scrivendo pagine immortali di storia del calcio universale: Paolo Rossi è l’unico calciatore al mondo che con tre gol ha fatto piangere il Brasile stellare di Zico e Falcão, che ha stregato Pelé, è uno dei quattro Palloni d’Oro italiani, capocannoniere al Mondiale di Spagna 1982, Scarpa d’Oro 1982, Scarpa d’Argento 1978 e Collare d’Oro. Uno dei pochi che, a distanza di anni, continua a rimanere un brand ‘Made in Italy’.

Sabato 8 febbraio Ore 18:00“I Dialoghi della Vagina” di Paolo Mezzana. La vagina è la protagonista di questi racconti di Paolo Mezzana, che si muove col piglio del medico specializzato nel trattamento dei genitali esterni e una non comune sensibilità da narratore. Dieci donne impegnate in una battaglia contro i tabù anche solo con il rivoluzionario atto di rimettere al centro il proprio corpo, nel suo diritto a esistere e godere. Un viaggio nella psicologia e nella sessualità femminile che suggerisce alle donne una modalità nuova per conoscersi con più consapevolezza e coraggio, e agli uomini una nuova angolazione per avvicinarsi con più cura ai bisogni e alla bellezza di chi sta loro accanto.

Ore 18:30 “Il Salvatori 2020. Il dizionario della canzone” di Dario Salvatori. Sul palco del Teatro Ivan Graziani, Dario Salvatori interagirà con Gianmaria Foderaro e Patrizia Speroni. Oltre 20.000 canzoni con autori, interpreti, storia e aneddoti: il libro-reference più completo sulla musica di tutto il mondo a cura del giornalista, criticoe storico della musicaDario Salvatori. Il dizionario, giunto alla sua ottava edizione, viene pubblicato dal 2013.