Nuovo ponte di Genova, Toti: "Sempre così per le opere pubbliche"

di Redazione

Il presidente della Regione Liguria: "Riuniti i due lati della Valpolcevera". E cita la celebre frase di Enzo Tortora: "Dove eravamo rimasti?"

"Forse è simbolico che quella mattina di due anni piovesse a dirotto e oggi ci fosse invece uno splendido arcobaleno sulle nostre teste". Lo ha detto il presidente della Liguria Giovanni Toti alla inaugurazione del nuovo ponte Genova San Giorgio.

"Questa celebrazione sta in mezzo a due frasi: 'mai più' e 'sempre così' - ha aggiunto Toti -. Mai più dei nostri concittadini devono morire perché si sbriciola un ponte nel nostro Paese. Sempre così perché si dimostra che si può fare così per tutte le nostre opere pubbliche".

Toti ha aggiunto che il ponte "riunisce i due lati della Val Polcevera", poi ha citato "un ligure famoso che subi una grande ingiustizia, Enzo Tortora, che al termine della sua vicenda disse 'dove eravamo rimasti'. Il nuovo ponte segna la strada, rimettiamoci in cammino. Per la Liguria e per l'Italia".